Archivio notizie, Cultura

Roberto Vecchioni al Festival di Arte e Fede

La settima edizione del Festival Internazionale d’Arte e Fede, come ogni anno, porta ad Orvieto due settimane all’insegna del connubio tra arte, religione e cultura. E per questa settima candelina un evento imperdibile è in programma al Palazzo del Capitano del Popolo (sala dei Quattrocento): Roberto Vecchioni dialogherà con il giornalista di Avvenire Alessandro Zaccuri sul tema “Buoni Maestri, buona vita”.
L’appuntamento è per domani sera, martedì 5 giugno a partire dalle 21.30 e già si preannuncia all’insegna del tutto esaurito considerando la fama del noto cantautore italiano.
Roberto Vecchioni, sposato con quattro figli, ha insegnato in vari licei classici di Milano e di Brescia ed è stato docente universitario presso svariati istituti italiani e stranieri. Cantautore, allo stesso tempo, nel 1971 si propone come interprete delle sue canzoni con la famosissima Luci a San Siro.
Nel 1977 conquista il pubblico con Samarcanda. Prosegue poi la sua fortunata carriera con più di venti album e titoli impressi nella storia musicale italiana, da “Voglio una donna”, fino alla recentissima “Chiamami ancora amore”.
Tutta la sua quarantennale carriera è raccolta in “I colori del buio”. Vecchioni è poeta e scrittore, autore di libri e saggi e collabora per i massimi giornali italiani.
Pennellate cristiane, preghiere laiche, brani intensi, sono gli ultimi pezzi di Vecchioni, che riflettono l’intensità di un nuovo percorso: “per favore, non chiamarlo conversione. Non mi piace. Diciamo che rispecchia il mio stadio di apprezzamento del disegno di Dio. […] quando sono davanti a un uomo, sono davanti all’umanità. Con i suoi sbagli, le sue colpe, i suoi limiti, ma soprattutto la sua umanità. Soltanto un genio come Dio poteva creare una cosa così grande come l’umanità. L’ho capito tardi, ma l’ho capito. Quando sento una vera novità, che di solito arriva dai giovani, io sento la presenza di Dio”.

Il Professore non nasconde la difficoltà della società attuale ad avere punti di riferimento, “i ragazzi di oggi non hanno maestri, non hanno esempi” ed invita a volgere lo sguardo verso Gesù, come maestro, come colui che testimonia l’amore gratuito.
Alessandro Zaccuri – Giornalista, scrittore e conduttore televisivo, lavora nella redazione culturale del quotidiano “Avvenire”. Ha pubblicato molti libri e saggi tra cui: Il futuro a vapore: l’Ottocento in cui viviamo (Medusa, 2004), il reportage narrativo Milano, la città di nessuno (L’Ancora del Mediterraneo, 2003). Con il romanzo Il signor figlio (Mondadori, 2007) è stato tra i finalisti del premio Campiello. Nel 2008 ha pubblicato il romanzo intitolato Infinita notte (Mondadori), a cui è seguito il saggio In terra sconsacrata e l’ultimo lavoro Dopo il miracolo (Mondadori, 2012).

Il Festival è organizzato e promosso dall’Associazione Culturale Iubilarte, in stretta collaborazione con la Diocesi di Orvieto-Todi, con il Comune di Orvieto e l’Università di Gordon College, con il
sostegno dell’Opera del Duomo di Orvieto, della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e dell’Associazione Amici del Cuore-Città Cardioprotetta, con il patrocinio della Provincia di Terni e della Regione dell’Umbria.
Il programma è disponibile sul sito: www.festivalartefede.it
L’INGRESSO ALL’EVENTO è GRATUITO ED APERTO A TUTTI

4 Giugno 2012

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Cultura

Informazioni sull'autore


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Giugno: 2012
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Elzevira di Fabio Graziani Editore.
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione