Orvieto. Chi indica la via?
Archivio notizie, Politica, Secondarie

Orvieto. Chi indica la via?

di Dante Freddi

E’ trascorsa appena una settimana dalla conferenza stampa in cui Brugiotti ha svuotato il suo sacco e già non è più all’ordine del giorno la serie interessante di denunce con cui l’ex assessore si è dissociato dall’Amministrazione Còncina.

Siamo ormai al quarto anno di questa sofferta esperienza di governo della destra e dei responsabili di sinistra che la sostengono e si corre il rischio di contribuire a questa stagnate atmosfera se non si ritorna  ciclicamente sui temi decisivi per Orvieto e quindi  per l’Orvietano, indissolubilmente legato alla prosperità della città capoluogo.
Scrive il puntiglioso Brugiotti nel documento che ha consegnato alla stampa, tra molto altro: “Il pareggio di bilancio, il patto di stabilità, la vendita della farmacia comunale e della caserma Piave sono sempre stati gli unici obiettivi da raggiungere e gli unici argomenti di cui ho sentito discutere sin dal giugno 2011, inizio del mio mandato”.  E continua, considerando che “arrivare al pareggio di bilancio (peraltro quasi fuori tempo massimo) non equivale ad aver risanato o rilanciato la città, nel nostro caso però è servito a preservare gli attuali ruoli di potere”.
Considerazione ineccepibile di una situazione a cui ci stiamo pericolosamente assuefacendo.
Sembra quasi scontato il disastro che avanza, sembra che non valga neppure la pena di parlarne.
Firmato il protocollo d’intesa con la Fondazione Anci e messa in vendita la palazzina comando, la questione della caserma Piave è data per risolta. Il sindaco non sente neppure più il bisogno di raccontarci di quanto corre “ventre a terra” per risolvere l’annosa questione. Finora se ne sono occupati, racconta Brugiotti, Còncina e Pizzo, senza neppure tirarsi dietro il consigliere delegato alla questione, Carlo Tonelli, e i risultati stanno lì, in quei vetri rotti e nell’aria di abbandono che sembra ormai dominare.
Mentre l’Amministrazione tenta di vendere i beni rimasti, dopo il fortunato e discusso colpaccio della farmacia comunale, non sono state individuate strategie per far uscire la città dalla sua agonia. Neppure su aspetti  non costosi ma di visione, come la gestione della viabilità e della sosta, è stata trovata una risposta adeguata, anzi.  Il massimo della capacità è stato espresso nel togliere il traffico sotto l’arco del Comune, mentre le auto continuano a imperversare in tutto il centro storico, quasi fossero un segno di vitalità anziché di arretratezza culturale. Non voglio perdermi nell’elenco impietoso di problemi ignorati prodotto da Brugiotti,  ma certo si sente forte la necessità di una sferzata di idee, di un indice puntato a segnalare qualcosa, un obiettivo, una possibilità. Dopo il periodo opaco dell’Amministrazione precedente, chi nutriva legittime speranze di “rinnovamento e metodo” penso che sia amaramente deluso. Qualcuno se la prende con il manico, con il sindaco Còncina, considerato persona affabile e piacevole ma inadatto alla gestione, altri con la sua compagnia,  fatta di brave e capaci persone ma complessivamente una compagine modesta. Per la verità, dopo le rivelazioni di Brugiotti, non sappiamo più con certezza neppure chi è assessore di cosa e non ci rimarrebbe che prendercela con i soliti Frizza, Pizzo e Olimpieri. Troppo semplice, prevedibile e scontato, oltre che inutile.
Nel frattempo, dai paesi intorno guardano Orvieto come una città senza autorità, incapace di guidare qualsiasi processo, la “città sottostante”, come ama ricordare il sindaco emerito di Porano Gisleno Breccia.

Non rimane che affidarci a san Pietro Parenzo, ma ricordiamo che gli orvietani, quando si stanacano, prendono a martellate sul cranio, come purtroppo accadde al nostro santo.

 

 

Ex Piave. La foto della mensa è di Augusto Cioccolo

15 febbraio 2013

Informazioni sull'autore

admin


3 COMMENTI SU QUESTO POST To “Orvieto. Chi indica la via?”

  1. Gentile Direttore,
    per sapere come la pensano i Comuni del comprensorio in merito alla situazione orvietana sarebbe opportuno chiedere direttamente ai loro attuali amministratori anzichè riportare il pensiero di un ex Sindaco di cui nessuno, mi creda, nessuno sente la mancanza.
    Cordiali Saluti

    Marco Conticelli

  2. Caro lettore, a Orvieto c’è molta gente che tenta di ragionare e ci sono anche esperienze imprenditoriali che andrebbero coinvolte, ma il compito non se lo può assumere un giornale, o almeno il mio giornale. Ci vuole autorità e capacità organizzativa che soltanto pochi hanno: Comune di Orvieto, Associazione dei comuni, Fondazioe CRO, associazioni sindacali. Poi i partiti, quando esistono e non sono soltanto entità coincidenti con il referente locale. Io, per quanto mi riguarda, ho difficoltà a andare oltre lo stimolo, il “filosofeseggiare”, la critica, che ti assicuro è sempre amara constatazione a cui mi piacerebbe rinunciare. Dante Freddi

  3. caro direttore premetto che sono sinceramente convinto che nello scenario di competizione di territori attuale e nella congiuntura economica corrente non sia facile individuare un percorso di sviluppo per la nostra città.
    Debbo tuttavia evidenziare che Orvieto ha dei vantaggi competitivi in termini di” marchio” che i vari attori stanno via via consumando invece di attivarsi per incrementarli.
    Personalismi inellettualie e di potere che ho visto intervenire mi sono sembrati molto autoreferenziali e scarsamente efficaci.
    Il giornale non potrebbe farsi carico come catalizzatore di riunire le molte eccellenze cittadine che si sono distinte nel panorama industriale e sociale per tentare di analizare e produrre delle proposte concrete in un piano di sviluppo possibile.
    So che non è facile più agevole criticare e filosofeggiare ma dove ci porta?

Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
febbraio: 2013
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy