Archivio notizie, Politica, Secondarie

Tribunale di Orvieto, coinvolgere enti locali ed associazioni

Riceviamo dall’onorevole  Carlo Emanuele Trappolino e pubblichiamo

 

Coinvolgere nella discussione sulla riorganizzazione delle circoscrizioni giudiziarie enti locali e associazioni professionali e di categorie attraverso specifiche audizioni con il Ministero della Giustizia. È questa la proposta avanzata in Commissione Giustizia della Camera dove è attualmente in discussione il Decreto Legislativo in materia di riorganizzazione della giustizia.

“La richiesta avanzata in sede di Commissione Giustizia – ha commentato Carlo Emanuele Trappolino – raccoglie l’esigenza già posta in un mio ordine del giorno del settembre 2011, accolto dal governo,  che impegnava l’esecutivo a prevedere ulteriori progetti di revisione degli uffici giudiziari, anche sotto il profilo della definizione delle circoscrizioni giudiziarie, previa consultazione delle categorie professionali e degli enti territoriali coinvolti. Il Ministro Severino nei giorni scorsi ha detto che la revisione delle circoscrizioni giudiziarie è un intervento storico che va realizzato. E tuttavia, storici possono essere anche gli errori, specialmente quando riforme di tale portata si costruiscono in maniera del tutto astratta”.

“L’impatto della riforma – ha proseguito Trappolino – , pur nella necessità di una razionalizzazione e di una maggiore efficienza del sistema giudiziario nazionale, rischia però di essere traumatica e penalizzante per lo sviluppo sociale ed economico di alcuni territori.  Tra questi vi è Orvieto, il cui tribunale, secondo il testo del decreto, è tra quelli destinati alla soppressione ma che tuttavia ha dimostrato in questi anni di rappresentare una struttura efficiente e al servizio delle necessità dei cittadini”.

“Sebbene il parere richiesto alla Commissione non sia vincolante – ha precisato  Trappolino – la richiesta, avanzata in quella sede, di avviare una discussione con enti locali e le organizzazioni recepisce una forte domanda di partecipazione che giunge dalle regioni e dalle città coinvolte. L’Umbria è stata, con l’iniziativa della presidente Marini,  tra le prime a muoversi in questo senso”.

“La concertazione – ha concluso il deputato del PD – potrà anche non piacere a Monti e ai suoi ministri, ma resta uno degli strumenti più adeguati a gestire situazioni complesse che rischiano di mettere in crisi equilibri territoriali e coesione sociale. E in questo caso specifico, recuperarne lo spirito forse aiuterebbe a mitigare la scelta profondamente sbagliata dello strumento (la legge delega) con cui il governo Berlusconi volle avviare questo processo di riforma. E in questi tempi di memorie cortissime, è utile ricordare gli artefici dei nostri guai attuali”.

 

14 Luglio 2012

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Politica, Secondarie

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Luglio: 2012
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Elzevira di Fabio Graziani Editore.
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione