Archivio notizie, Cronaca

Orvieto senza più Gli Svizzeri

 

ORVIETO – A leggere il saluto lasciato ai clienti in vista sul bancone, ci si commuove inevitabilmente. Un tuffo al cuore arriva già lungo la via di fronte a quell’avviso – “cessazione attività” – a cui si stenta addirittura a dar credito.

Sì, perché per gli orvietani quel tratto di Corso Cavour non sarà più lo stesso senza l’odore della tostatura del caffè, del rosolio di mandorle e del cioccolato, delle mille varietà di spezie disposte con cura sugli scaffali, senza i pescetti di liquirizia e i confetti di zucchero colorato con cui sono cresciute generazioni e generazioni di bambini. Il 21 luglio prossimo, la storica drogheria “Gli Svizzeri”, dopo 148 anni di attività, tira giù le saracinesche per sempre. I titolari, subentrati negli anni Settanta ai fratelli Vomossi nella ditta fondata dalla famiglia svizzera (da cui il nome), non potendo più portare avanti l’attività a conduzione familiare, erano in cerca da diversi anni di un acquirente. Dopo varie trattative, in cui è stato provato in ogni modo tenere in vita le licenze, alla fine Gino Anselmi e la moglie Rosanna, hanno dovuto cedere di fronte all’assenza di interesse. Troppo impegnative le licenze, sopratutto quelle per gli alcolici che, insieme alla torrefazione del caffè e al cioccolato, hanno rappresentato il centro dell’attività della drogheria dal 1864. Ed è così che ben presto, buttati al macero gli scaffali intrisi di storie e di profumi e le scritte retrò che campeggiano da sempre sulle due vetrine lungo Corso Cavour, droghe e spezie lasceranno il posto a lingerie e pigiami.

Ad aver acquistato il negozio più antico di Orvieto è, infatti, una nota catena di intimo che aprirà prossimamente, dopo una rinfrescata ai locali. Diventeranno così cinque i negozi di intimo appartenenti a grosse catene commerciali nel breve spazio di poco più di centro metri. Segno dei tempi moderni che incalzano anche in un centro storico dove sono vietati i fast food, ma dove evidentemente non si riesce a frenare il consumismo e a preservare le attività di un tempo. E’ un mondo che se ne va per sempre. Eppure agli orvietani mancherà il caffè da acquistare all’etto nell’incarto chiuso dal fiocchetto rosso che è diventato la cifra della drogheria, il rosolio di mandorle da procurarsi ogni anno per le pizze di Pasqua, l’anice stellato e quelle stecche di cannella così lunghe che ormai non se ne vedono più in giro, chiuse come sono in anonimi barattolini tutti uguali sugli scaffali del supermercato.

20 Giugno 2012

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Cronaca

Informazioni sull'autore


UN COMMENTO SU QUESTO POST To “Orvieto senza più Gli Svizzeri”

  1. “ ‘L Corso “
    S’aripenso all’anne passate, a quann’erimo bardasse
    a tutte quelle giorne trascorse a spisciolasse
    nun posso mae scordà ‘l tempo ch’ è trascorso
    a quasi mezza vita passata su pel corso!!
    Te lo ricorde?!?!? E come me lo scordo!!
    Fra tutte messe ‘n fila mesà è ‘l più bel ricordo.
    C’ annave la mattina; presto, pe annà a scola,
    e li già ce lasciave du chiacchiere e mezza sola!!
    Partivo dall’inizio, che per me era ‘n vicoletto,
    conosciuto a tutti perché era tanto stretto,
    perché ce stava l’Uso, ‘l macellaio Dino,
    perché era sempre fresco, anzi direi freddino!!
    Ma era il vicoletto, per la mia generazione
    dove si voleve ‘n disco o conosce na canzone
    solo alla Casa del Disco trovavi l’informazione!!!
    C’era l’Irma Patrignani, donna assai schietta,
    co li ferri pe la maglia,davanti alla stufetta ,
    si annave a cerca ‘n disco, nun doveve avecce fretta,
    lei sempre col sorriso e con na gran dolcezza
    te teneva a veglia almeno na mezzoretta.
    Come uscive sul corso e pigliave ‘n su
    ( perché sul corso lo sae ce vae on sù o giù!!)
    trovave poco dopo , tre metre o poco più,
    ‘l bar de Montanucci , storico ritrovo,
    dove per tutte, d’inverno era ‘l covo.
    Rifugio , della Rosina , caldo e accogliente
    che si pioveva o era freddo forte, se riempiva, fitto de gente
    co li giornali al muro, stipate come ‘n gregge
    che si nun sapeve che fa te le metteve a legge
    passave li le ore a veglia, a nun fa gnente
    beveve la cioccolata co la panna, quella fondente!!!
    Ma n’antro posto fisso do te fermave sempre
    sembrava de torna indietro, davvero ad altre tempe,
    do c’era n’omone alto, vestito sempre strano
    e na donnetta piccola tanto dolce, alla mano
    sempre sorridente, coi suoi capelli gonfi e mossi
    chi non ha conosciuto i coniugi “ Womossi “?!?!
    Quanno che entrave in quel negozio co quell’arredi….. belle
    co tutte quelle buzziche piene de caramelle
    metteve subito mano ma le saccocce a cercà cento lirette
    pe comprà ‘n sacchetto de pescioline oppure de violette
    che poe ‘nsieme a li tu compagne, pel corso, le magnave
    ricordo l’ amarezza de quanno che le finive !!
    N’artro posto fisso nun so se v’aricordate
    che quanno da figlietto l’occhi c’ incollavate
    era quel negozietto lungo e stretto
    do c’era na vecchina e con lei un vecchietto
    pieno de giocattoli era fitto e pe passa solo no spazietto.

    I coniugi Della Fina giocattoli “ Cose Belle “
    chi nun c’ha fatto ‘n capriccio pe quelle giocarelle!!!
    Da parte poe ce stava…io so de bocca bona
    na nota pizzeria che era della Rina
    dove da bardasse, ce spenneve tutto
    pe magna ‘l calzone fritto col prosciutto,
    si poe ere goloso e nun c’aveve panza e ciccia
    era tanto bono anche quello co la salciccia!!!
    Sul Corso, ce faceve tutto, li compiti de scola, storia, francese, inglese
    e le prime cotte ‘n do pensi che l’ho prese?!?
    E quanno ce riuscivi, scappave man vicoletto
    pe dasse, poe via de corsa, ‘n piccolo bacetto!!
    Sul corso, camminave, magnave e chiacchierave
    e su quel lasticato le scarpe consumave,
    li ce faceve tutto, e ce trovave tutto
    voleve comprà un golf o ‘n’etto de prosciutto
    lì lo trovave, ma tutto veramente
    da na lavatrice a ‘n pacco de semente!!
    Col corso semo cresciute, era ‘n punto de ritrovo
    li se trovavan tutte era pieno come n’ovo,
    vedeve diventa ommine ,su quelle san pietrine
    quelle che come te, na vorta erino bambine!!
    Ancora me ricordo e oggi me fa sta male
    le maschere che c’erano durante ‘l carnevale
    pel corso ‘n se passava, coriandoli a quintale
    maschere d’ogni tipo perfino da maiale
    Zorro, cowboy, fatine e dame ingiojiellate
    feste do se ballava tutte mascherate,
    frappe, castagnole e dolce che nun te dico
    credime ce se divertiva era parecchio fico!!
    Dal Moro poe girave e annave su pel Domo
    la cattedrale antica, che co le sue scaline
    l’estate è fresco ritrovo pe ommine, donne e bambine
    d’inverno m’aricordo ‘l freddo che se bubbolava,
    quanno arrivave al Maurizio de corsa se girava,
    na cosa se diceva sempre, lo sapevano anche le ragazzine:
    “ daglie regà giramo che qui ce so le pinguine!!! ”
    Le scarpe che ho consumato su quelle san pietrine,
    e quante so cambiate sul Corso le vetrine!!
    Nun’e quello de na vorta, no, oggi nun’è lo stesso,
    sul Corso ce se ‘mbriaca, ce se farà anche sesso,
    ce manca che ce fanno i bisogni come al cesso!!
    Me manca ‘l Corso mio, quello de le scole
    dove ce strusciavamo per ore quelle sole,
    Quello de la Rosina, quello de Fusari,
    quello de Cose Belle, quello de Carbonari,
    quello de Cortoni, e Fioco l’alimentari
    quello dell’Agenzia Viaggi Fabbri,e tanti altri cari
    quello che vorrei è ricordare tutti quanti,
    li ho tutti nel cuore e credimi son tanti!!
    Ma il Corso de na vorta spero che ritorni
    spero che i miei figli rivivano quei giorni
    a me ‘l corso m’ha cresciuto e ma anche educato
    e come un fratello maggiore mi ha accompagnato,
    per me nun è na strada o ‘n posto do se fa na camminata
    è come n’antra scola do s’impara la vita!!!

Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Giugno: 2012
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Elzevira di Fabio Graziani Editore.
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione