Archivio notizie, Politica, Secondarie

Conti in bilancio, l’ex assessore Gnagnarini: “Sulla situazione economica del Comune l’amministrazione non può fornire numeri inesatti”

 

L’ex assessore al bilancio del Comune di Orvieto Massimo Gnagnarini, con una lettera indirizzata alla stampa locale, al sindaco Roberta Tardani e al presidente el consiglio comunale Umberto Garbini, intende fare chiarezza sulla situazione economica della città “per non ingenerare nei cittadini, nelle nostre aziende e negli investitori esterni disorientamento e inconsapevolezza circa la solidità e la trasparenza delle nostre finanze pubbliche”. Di seguito il testo della lettera di Gnagnarini:

“E’ vergognoso come l’attuale Amministrazione comunale continui a fornire alla stampa locale notizie false e prive di ogni fondamento sulla situazione economica del Comune di Orvieto con la conseguenza di ingenerare nei cittadini, nelle nostre aziende e negli investitori esterni disorientamento e inconsapevolezza circa la solidità e la trasparenza delle nostre finanze pubbliche.

Oggi il Corriere dell’Umbria sottotitolava: “Previsioni diverse. L’attuale maggioranza ridimensiona l’ottimismo dei predecessori circa la possibilità di rientrare dal pre-dissesto entro i prossimi tre anni”. Quando, invece, in realtà, come Lei sa, l’uscita anticipata dallo stato di pre-dissesto del Comune di Orvieto è avvenuta già con atto definitivo il 18 aprile 2018 , ovvero oltre un anno fa, certificata con la Delibera n. 65 della Corte dei Conti.

Nello stesso articolo di stampa si legge che l’ammontare complessivo degli introiti delle tasse comunali a Orvieto sarà pari, per il 2019, a 69 Min di euro. Qui si confonde il dato relativo al totale delle entrate di Bilancio con quello relativo al totale delle tasse e dei tributi che è pari a circa 14.700.000 euro.
Fin qui le menzogne e le inesattezze per le quali,  tra le righe, forse, si vorrà far credere ai cittadini il motivo per cui l’Amministrazione comunale non ritoccherà a ribasso le aliquote IMU e Addizionale IRPEF così come promesso in campagna elettorale. Mantenere alte le tasse a copertura di maggiori servizi oppure abbassarle ridimensionando i servizi stessi sono scelte politiche entrambe legittime,  ma che devono essere compiute e motivate alla luce del sole con trasparenza e senza ricorrere a mistificazioni emergenziali ormai superate e archiviate.

Egregio Presidente,  al netto dei miei interessi morali e professionali da ex assessore al bilancio del Comune durante la scorsa consigliatura, per l’alto profilo e l’imparzialità finora da Lei dimostrata la esorto a vigilare sulla correttezza e sulla veridicità della comunicazione offerta dall’Amministrazione e ciò a tutela dell’immagine e del prestigio della nostra città e dei suoi Organi istituzionali. Con stima ed amicizia”.

 

5 Agosto 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Politica, Secondarie

Informazioni sull'autore

admin


UN COMMENTO SU QUESTO POST To “Conti in bilancio, l’ex assessore Gnagnarini: “Sulla situazione economica del Comune l’amministrazione non può fornire numeri inesatti””

  1. Caro ex Assessore, viste le inesattezze che vengono dette perché non pubblicate il bilancio del comune con le varie “dicerie”, sarebbe più comprensibile per i comuni cittadini.
    Poi mi sembra che nella scorsa legislatura molte tasse sono aumentate……..purtroppo moltissimi politici non sono mai trasparenti con i cittadini percio è molto difficile capire dove sta la verità. Quando la politica sarà comprensibile a tutti sicuramente tantissime cose miglioreranno. Bisogna avere un Po di umiltà e vedere le cose fatte bene e quelle fatte male, chiunque le abbia fatte e non fare di tutta l’erba un fascio….. e migliorare o rifare quelle sbagliate guardando al bene dei cittadini. Non da meno per conoscere la città e le sue esigenze bisogna viverla da vicino.
    Saluti e Buon Lavoro…? Daniele

Lascia un commento