Archivio notizie

Concerto d’organo nel Duomo di Orvieto di Benvenuto ai Sindaci e Delegati Cittaslow 

“ Un caloroso benvenuto ai visitatori del concerto che è stato organizzato per celebrare il ventesimo anniversario di Cittaslow International. In qualità di Vice Presidente, vorrei congratularmi con tutti i comuni che fanno parte di questa rete globale. Sono lieto di potervi omaggiare di un concerto d’organo nel Duomo di Orvieto. La città alle base di Cittaslow. Vorrei augurare a tutti un piacevole ascolto. Di seguito troverete l’ordine dei pezzi che saranno eseguiti. Al fine di rendere la musica ancora più viva, ad ogni pezzo è stato stata aggiunta una spiegazione personale”, Arnoud Rodenburg, Sindaco di Meidden-Delfland(Olanda) e Vicepresidente di Cittaslow International

PROGRAMMA 

1. L’inno di Cittaslow Internazionale di Jacob de Haan

L’inno internazionale di cittaslow è stato composto nel 2018 dal compositore olandese Jacob de Haan. È una melodia universale che prende potenza in un crescendo continuo, fin quando tutti gli strumenti si uniscono nel gran finale. Già all’inizio si ascolta  il motivo principale, poi tutti gli strumenti iniziano a svolgere il proprio ruolo, a tempo andante. È il tempo del nostro cammino, al ritmo del battito del nostro cuore. Piano, pianissimo, lentamente ma costante sempre  avanti. La melodia è suonata da ogni strumento e questo modo la musica cresce in una famiglia di linee melodiche vicine tra loro, in armonia. Per concludere, il finale: la melodia qui è suonata in uno stile fortissimo. Tutti gli strumenti insieme, danno forza al principio di Cittaslow. La melodia rimarrà nell’orecchio e nel ricordo di ciascuno per sempre. E’ ufficialmente eseguita ogni qualvolta abbiamo incontri internazionali o eventi locali sotto la bandiera di Cittaslow. Originariamente composta per Bande Musicale e presentata per la prima volta nel 2018 durante l’Assemblea  annuale internazionale di Cittaslow a Mirande, nell’occasione del concerto nel Duomo di Orvieto potremo  ascoltare un arrangiamento preparato per organo.

2. Preludio Corale, Liebster Jesu, wir sind hier BWV 731 (Johann Sebastian Bach)

Questo preludio corale è stato composto da Johann Sebastian Bach nel 1708. È possibile ascoltare le note corali come il battito del cuore. Le note formano il “cantus firmus”, ovvero la melodia fissa. Gli abbellimenti si sviluppano su di essa, ed è come se abbellissero le note. Se ciò è eseguito con la mano destra, la mano sinistra è alquanto più silenziosa e si alterna. Se si ascolta con attenzione si noterà che ci sono due abbellimenti uguali. È esattamente ciò che faceva Bach. Un’accelerazione del tempo o una variazione extra.

3. Fantasia e ouverture Nun danket allen Gott/Wilt heden nu treden (Jan Zwart) 

Quasi tutti noi sentiamo questa canzone familiare. La musica è stata scritta in origine da Johann Crüger. La canzone è cantata nelle chiese protestanti e cattoliche e in varie lingue. C’è molto da dire sull’ouverture, un tipo di composizione musicale caratteristico della fine del Settecento. Tutti i temi musicali che si trovano in un’opera, sono di norma rappresentati in nell’ouverture. Spesso si inizia con un’apertura solenne, seguita da un pezzo più veloce, paragonabile ad una fuga. Il pezzo solenne dell’apertura tornerà poi alla fine. Questa sera non ascolteremo una vera propria opera, ma certamente una presentazione fantasiosa della canzone di chiesa, con i suoni di un’altra canzone cristiana, Wilt heden nu treden (Ci riuniamo). Valerius ha scritto “Wilt heden nu treden” nel 1597, in occasione della vittoria sulle truppe spagnole nella battaglia di Turnhout durante la Guerra degli ottant’anni.

4. Fantasia e salmo corale 48 (Klaas Jan Mulder)

“De Heer è groot” (Il Signore è grande) e la sua città è lodata in questo salmo. La prima parte dell’improvvisazione è suonata in Moderato. Anche la musica ha un carattere calmo, con una melodia chiara. Il tempo passa successivamente a Festivo veloce. Ogni tanto vediamo il segno del “crescendo” nella musica, quindi vengono aggiunti regolarmente registri. La parte finale, Corale si suona con due piedi sulla pedaliera dell’organo. Ciò rende la musica un po’ più piena, adattandosi in modo efficace al corale.

5. Sinfonia Katarina (Martin Mans) 

Questa sinfonia è composta da sette parti diverse. Il primo pezzo è Choral Intrada. Questo pezzo di apertura è suonato in legato. Sono frasi fluenti. Il pezzo è formale e festoso. Ricorda il suono prodotto dalle trombe durante l’accoglienza di persone importanti. La seconda parte è il Trumpet Voluntary. Questo tipo di musica risale a periodo Barocco. Si gioca con la tromba nella mano destra sul corpo principale, con un semplice accompagnamento della mano sinistra sulla parte superiore del corpo e del pedale. Questo è seguito da un delizioso pezzo con flauto. Suonato con 1 registro, un flauto. Questo è seguito da un tipo di preghiera, Meditazione. Il carattere è soft, un po’ come le corde di un’orchestra. Un flauto è aggiunto come una voce di melodia la seconda volta. Resta molto modesto. Il pezzo successivo è la Toccatina. Suonerò questa breve toccata allegro, così serena e fluente. Anche la pressione contemporanea di più tasti è “staccato” che è l’opposto di legato. Quindi le note sono separate l’una dall’altra. In italiano “toccare”.
La canzone è virtuoso, veloce e tocca molte note sulla tastiera. Ci sono 16 note per battito in questo pezzo. I musicisti possono provare le capacità di uno strumento con una toccata, in quanto in molti casi la toccata usa gli estremi in dinamica e velocità dello strumento. Questo è seguito dalla Marcia nuziale. Qui possiamo ascoltare i toni base dell’organo. Si pensi al prestante 8 piedi. Prestante viene dal verbo “prestare”, il che significa qualcosa come essere in prima linea. Quindi vedrete spesso queste prestigiose canne nella parte anteriore dell’organo. Il prestante C maggiore del registro 8 è una canna che è quindi alta otto piedi, circa 2,40 m. Nella mano sinistra sentiamo anche delle morbide ance e nel pedale un 16 e 8 piedi. La cornetta e la tromba suonano la melodia della mano destra di questa marcia nuziale. La sinfonia si conclude con un Finale. Questo pezzo è suonato “con brio”: vivace per quanto riguarda lo stile, ma non necessariamente veloce, anche se ha un ritmo piuttosto alto con allegro come indicazione del tempo. La pienezza della musica può essere spiegata dagli accordi nella mano destra e sinistra, con tre note ciascuno. I manuali sono collegati e entrambi i piedi azionano due serie di note sul pedale. Ciò significa quindi 8 registri da 25, quindi 200 canne allo stesso tempo, utilizzate per attaccare in modo simultaneo con otto note. Il pezzo torna alla corale con cui è iniziata la sinfonia.

6. Fantasia Inno alla gioia (Gert Hoef) 

Questo brano musicale è un’improvvisazione per la nota melodia del compositore Beethoven. Questo tema è presente anche nell’inno europeo. È basato su “Inno alla gioia” dal movimento finale della 9a Sinfonia di Beethoven, composto nel 1823, e viene suonato in occasioni ufficiali. Il testo del primo verso: Gioia, gioia
Signore, ti adoriamo
Dio della gloria
Signore dell’amore I cuori si schiudono come fiori dinanzi a Te
Ti salutano come il sole lassù Sciogli le nubi del peccato e della tristezza
Conduci il buio del dubbio lontano Tu che doni immortale felicità
Riempici con la luce del giorno.

7. Time to say Goodbye (Andrea Bocelli) 

Time to say goodbye o piuttosto “Con te partirò”, è una canzone italiana scritta da Francesco Sartori (musica) e Lucio Quarantotto (parole). Ad Andrea Bocelli è stata affidata la première durante il Festival di San Remo nel 1995. Un festival molto importante in cui sono state eseguite nuove canzoni. La canzone è stata cantata da due cantanti, ma ora la sto suonando all’organo. È la mia interpretazione personale, riuscirete facilmente a riconoscere le voci che cantano, una canzone fantastica con cui chiudere questo concerto. La canzone si traspone su un altro tasto poco prima della fine, a quel punto finiamo con “fff” da un punto di vista della dinamica musicale; fortissimo possibile, o meglio il più forte possibile. Quindi, in altre parole, estrarre tutti i registri musicali, inclusi il fagotto 16 piedi nel pedale e il prestante 16 nel corpo principale, con il risultato che si suona il pezzo un’ottava più in alto nei battiti finali e successivamente si fa il massimo uso dell’organo. Dopotutto, sappiamo che 8 piedi è la C centrale, da cui la musica effettivamente parte.

Si ringrazia vivamente per la collaborazione alla realizzazione del Concerto d’Organo l’Opera del Duomo nel suo Presidente, Dr. Gianfelice Bellesini, e nel Segretario Generale, Dr. Giuseppe Mearilli, ed il Maestro della Cattedrale, Nello Catarcia per il competente e appassionato aiuto prestato .

L’Organo Monumentale del Duomo di Orvieto

Nel transetto sinistro, sopra un’alta cantoria, si trova l’organo monumentale  del XVI secolo, realizzato in gran parte dall’organaro toscano Domenico Palmieri, al quale  subentrò nel 1587 Vincenzo Fulgenzi, che lo portò a termine nell’anno successivo. Lo ribadiamo qui perché Vincenzo Fulgenzi detto “il Fiammingo”, era d’origine olandese. Egli introdusse alcuni registri particolarmente rivoluzionari (a quanto pare ad ancia ed anche ondulanti, come “Vox Tauri” e “Vox Pueri”):  ecco un legame diretto con il concerto di stasera tenuto dal Sindaco Rodenburg di Midden-Delfland. Le decorazioni lignee intagliate della cassa e della cantoria furono affidate a Ippolito Scalza.  Lo strumento fu ampliato nel 1911 dall’organaro Carlo Vegezzi Bossi, che costruì la cassa espressiva e dotò l’organo della trasmissione pneumatica. Nel 1974 seguì un ulteriore ampliamento e una nuova tastiera (il Positivo, con le canne direttamente sopra la cantoria senza cassa), e la trasmissione divenne in elettrica. A partire dal 2013 l’Opera del Duomo ha intrapreso un nuovo restauro, portato a termine in circa tre anni e mezzo da Alessandro Giacobazzi(Modena). Nell’occasione è stata spostata la manticeria in un apposito vano ricavato dietro la cassa e di conseguenza è stato completamente rifatto tutto l’impianto del vento.  Lo strumento, a trasmissione elettronica, è oggi dotato di tre tastiere di 61 note ciascuna, e pedaliera concavo-radiale di 32 note. Possiede 72 registri, per 5644 canne.

21 Giugno 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento