“Ho fatto un sogno”. Da un post bellissimo di Antonio Bergami
Archivio notizie, Cultura, Social Post

“Ho fatto un sogno”. Da un post bellissimo di Antonio Bergami

Commento di Dante FreddiFortunatamente facebook offre anche spunti di riflessione un po’ più intimi di quelli che solitamente sollecitano gli argomenti che vi vengono trattati. Quando capita vale còglierli e rilanciarli. Qusto post di Antonio Bergami è indirizzato a quanti credono e riporta una bellissima poesia recuperata e poi naponalizzata da Troisi. C’è la difficoltà del credente di vivere la fede ogni giorno, il dubbio, la paura dell’abbandono di Dio, la consolazione della sua presenza. Non c’è molto da commentare, basta leggerla.
Nb: La prima stesura è in italiano, la seconda è l’originale di Troisi in napoletano.

Posta Antonio Bergami‎ a Gianni Cardinali

M’aggio fatto ‘nu suonno (ho fatto un sogno) – Una stupenda poesia di Massimo Troisi
Una stupenda poesia di Massimo Troisi. In effetti è la traduzione in napoletano fatta da Massimo Troisi della poesia di un anonimo brasiliano. Bellissimi versi che racchiudono la vita di chi ha fede.

Ho fatto un sogno

Ho sognato di camminare in riva al mare con il Signore
e di rivedere sullo schermo del cielo
tutti i giorni della mia vita passata.
E per ogni giorno trascorso apparivano sulla sabbia due orme,
le mie e quelle del Signore.
Ma in alcuni tratti ho visto una sola orma,
proprio nei giorni più difficili della mia vita.
“Signore, io ho scelto di vivere con te
e tu mi avevi promesso
che saresti stato sempre con me.
Perché mi hai lasciato solo
proprio nei momenti più difficili?”
E Lui mi ha risposto:
“Figlio, tu lo sai che io ti amo e non ti ho abbandonato mai.
I giorni nei quali vi è soltanto un’orma sulla sabbia
sono proprio quelli in cui ti ho portato in braccio.”


M’aggio fatto ‘nu suonno

M’aggio fatto ‘nu suonno
Stanotte m’aggio fatto ‘nu suonno:
m’aggio sunnato
ca stevo cammenanno
‘copp’ ‘a rena,
accumpagnato d’ ‘o Signore,
e pe’ dinto ‘a nuttata,
comm’ ‘a tante stelle,
se vedevene passa’
tutt’ ‘e juonrne d’ ‘a vita mia.
Aggio guardato arreto
e m’aggio addunat
ca p’ogni ghiurnata
comm’ a’ nu cinematografo,
‘ncopp ‘a rena cumparevene
ddoie scarpesate:
‘a mia e chella d’ ‘o Signore.
So ghiuto ‘nnanze accussi’,
‘infine ‘a che nu fernettene
tutte’e ghiurnate mie.
Allora me fermaie e
vutanneme adderete,
m’addunaie che ‘a ciert pizze
ce ne steve ‘na scaprpesata sola…
Sti pizze se cunfruntavene proprio cu ‘e ghiurnate chiu storte
d’ ‘a vita mia:
chelle d’ ‘a peggia pucundria,
d’ ‘a peggia paura e
d’ ‘a peggia disperazione…
E allore l’aggio addimannato:
“Signo’, m tu me diceste ca me sarisse stato vicino pe’ tutt’ ‘e juore d’ ‘a vita mia
e pe’ chesto io aggio voluto campa’ cu tte,
ma, pecche’, po’, m’ ‘e lassat sulo iusto
inte a ‘sti mumente?”
E ‘o Signore rispunnette:
“Figliu io, io te voglio bbene e te dicette ca sarria stat semp cu tte
pe’ tutt’ ‘a cammenata e canun t’avvaria lassato sulo,
manco pe ‘nu mumento, e maje t’aggio lassato…
Chilli juorne ca tu haje visto ‘na scarpesata sola ‘ncopp’ ‘a rena,
fuiene justo ‘e juorn
ca te purtavo ‘mbraccio”.

11 Febbraio 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Cultura, Social Post

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Febbraio: 2019
L M M G V S D
« Gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy