La mia e la vostra felicità in mano a Salvini e Di Maio. C’è da essere terrorizzati
Archivio notizie, Social Post

La mia e la vostra felicità in mano a Salvini e Di Maio. C’è da essere terrorizzati

Commento di Dante FreddiL’appello di papa Francesco, che chiede solidarietà per i migranti,  non ha ammorbidito nessun governo europeo nei confronti di quel gruppetto di disgraziati che navigano nel Mediterraneo. Tantomeno ha smosso i governanti italiani e i due premier si sono espressi. Con insulsaggine  Di Maio: come si può offrire l’accoglienza a donne e bambini e non ai padri, spaccando quindi le famiglie? Ma che c’è nella testa di uno che fa una proposta del genere. Cosa sente, quali sentimenti conosce? Che capacità ha di elaborare le informazioni? È soltanto un nominato da Grillo, eppure è uno che ci governa, che decide, che ha la responsabilità della felicità mia e degli altri italiani.
Salvini ha risposto con durezza, secondo la sua patologia, in cui la cattiveria e la prepotenza si uniscono in un perfetto mix, terrificante, che evidentemente piace ai suoi elettori, anche cattolici. E questo è l’aspetto più preoccupante . Vedo su FB immagini e slogan che evocano il fascismo, ormai sdoganato sotto l’ala di Salvini, che dirige un partito che non appartiene alla storia nera ma la interpreta benissimo.
Gli italiani di piazza Venezia sono sempre lì, ad applaudire, ma non si vergognano più.

Posta Today.it
Il caso dei 49 migranti bloccati nel Mediterraneo è sempre più esplosivo
Informazioni su questo sito web
Today.it
Papa Francesco chiede solidarietà per i migranti, Salvini durissimo: “Decido io”

Migranti, cosa ha detto Papa Francesco
Se il ministro Toninelli si smarca dal caso migranti spiegando che “un decreto di chiusura dei porti non serva non essendo alcun porto italiano interessato alle operazioni”, Papa Francesco è intervenuto rivolgendo un appello ai leader europei.

La vicenda è quella nota delle due navi delle Ong Sea Watch e Sea Eye, che da giorni aspettano indicazioni su un porto che accolga i migranti soccorsi in mare, e il Santo Padre ha chiesto per loro “concreta solidarietà”.

“Da parecchi giorni quarantanove persone salvate nel Mare Mediterraneo sono a bordo di due navi di Ong, in cerca di un porto sicuro dove sbarcare – dice Francesco dopo la recita dell’Angelus – Rivolgo un accorato appello ai leader europei, perché dimostrino concreta solidarietà nei confronti di queste persone”.

Il Papa aveva già lanciato un anatema durissimo durante la prima udienza generale del 2019: “Meglio vivere da atei che andare in Chiesa e poi odiare gli altri”. Un richiamo che a molti è parso tutt’altro che casuale.

7 Gennaio 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Social Post

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy