Archivio notizie, Cronaca, Secondarie

Caccia al Cinghiale: squadre pronte al ricorso al tar, intanto “Partirà la Stagione”

 

di Squadre di Cinghiale dei Distretti 2, 3 e 4

Una scelta ponderata e soprattutto indirizzata a mantenere un elevato grado di controllo del numero di cinghiali per salvaguardare le numerose attività agricole che svolgono la loro attività nel territorio dell’Orvietano. Sulla scorta di queste considerazioni le squadre di Caccia al Cinghiale dei distretti 2, 3 e 4 ricadenti nel territorio dell’Atc3 Ternano-Orvietano hanno deciso di “ritirare i registri” per dare avvio alla stagione venatoria.

Un gesto di responsabilità che non intende assolutamente soprassedere alla spiacevole situazione venutasi a creare con la richiesta di aumento delle quote di iscrizione all’Atc rivolta alle squadre con l’intento, decisamente ingiusto – con criteri peraltro non uniformi negli Atc Umbri – di farle contribuire al risarcimento dei danni causati dai cinghiali. Per questo, pur avendo dato avvio alla stagione, le squadre di Caccia al Cinghiale dei distretti 2, 3 e 4 hanno deciso di approfondire la vicenda tanto da verificare l’opportunità di presentate ricorso al Tribunale Amministrativo dell’Umbria contro la scelte adottare dall’Atc3. Scelte, per altro, sostenute dalla Regione Umbria che nonostante gli incontri con le associazioni venatorie non ha affrontato la questione con la necessaria responsabilità che il caso necessitava.

La decisione è stata assunta dopo una riunione alla cui hanno partecipato circa 20 squadre di caccia al cinghiale coinvolgendo oltre 900 persone. I cacciatori dei distretti 2,3 e 4 si rivolgono, quindi, a tutte le associazioni venatorie per sostenere insieme le ragioni di un ricorso nei confronti dell’Atc3 rispetto ad un piano di gestione della specie cinghiale insufficiente e inadeguato.

Il buon senso e soprattutto la consapevolezza delle necessità che il mondo agricolo richiede da tempo per un controllo efficiente dei cinghiali, hanno contribuito a rivedere l’iniziale posizione dei cacciatori. Dal dibattito di questi mesi è emersa la totale mancanza di confronto e partecipazione dell’Atc3 con le squadre di caccia al cinghiale, in particolare per quanto riguarda i piani di gestione. A differenza di molte squadre che autonomamente e senza nessun contributo hanno collaborato in modo serio e costruttivo con il mondo agricolo per la realizzazione di recinzioni elettriche ed altre azioni di tutela delle colture.

Siamo essenzialmente di fronte all’ennesimo caso di chi vuole rivendicare, come ha fatto l’Atc 3, azioni di autonomia burocratica che alla prova pratica si rivelano incomprensibili, divisive e inappropriate. Se l’intento dell’Atc3 era quello di destabilizzare il mondo venatorio e di segnare una divisione netta tra gli enti di gestione della caccia e i cacciatori: lo scopo è stato raggiunto. Ma il risultato preoccupante è che mentre altre Regioni, Provincie e Territori italiani guardano ad una forma condivisa dell’attività venatoria nell’Atc3 si sceglie di fare dei pericolosi passi indietro che rischiano di produrre seri danni per il mondo agricolo.

Per questo chiediamo alle associazioni venatorie umbre di sostenere la nostra posizione e soprattutto di sostenere un cambiamento reale dei metodi di gestione della caccia, anche partendo da risparmi e razionalizzazione della spesa degli enti di controllo a favore di un complessivo miglioramento dell’organizzazione dell’attività venatoria e di tutte le altre attività connesse.

 

7 Ottobre 2018

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Cronaca, Secondarie

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Elzevira di Fabio Graziani Editore.
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy