Archivio notizie, Castel Viscardo, Territorio

Escursione sulle antiche tracce di San Bartolomeo Apostolo

E’ in programma per domenica 16 febbraio un’escursione sulle antiche tracce di San Bartolomeo Apostolo. Una passeggiata di 13 km da Castel Viscardo a Monterubiaglio organizzata dall’Asds E.Majorana, Polisportiva di Castel Viscardo e dall’Associazione Pietre Vive.

PROGRAMMA: Ore 8,45 Ritrovo dei partecipanti a Castel Viscardo (Piazza Italia) e organizzazione per portare alcune macchine a Monterubiaglio

Ore 9,10: vista alla chiesa parrocchiale di Castel Viscardo con particolare attenzione alla tela rappresentate Santa Caterina e San Bartolomeo
Ore 10,00: partenza verso la zona dell’antico insediamento di Selci e San Bartolomeo
Ore 10,30: percorso sui residui della Via Traiana Nova sino alle zone di Santa Maria e San Bartolomeo
Ore 11,15: Partenza per il sentiero che ci condurrà al romitorio francescano di Santa Rufina
Ore 13,00: Arrivo e pranzo al sacco
Ore 14,00: Partenza alla volta di Monterubiaglio
Ore 15,30: Arrivo a Monterubiaglio: visita alla chiesa di Sant’Antonio Abate e ai residui di San Bartolomeo

DESCRIZIONE: Il culto longobardo di San Bartolomeo Apostolo si deve al recupero fatto del corpo del santo da parte del re Sicardo che salvò le spoglie a Lipari, togliendole dalla depredazione degli arabi, e traslandole prima a Salerno e poi a Benevento (sec. IX). Con quello che si crede il successivo arrivo a Roma all’Isola Tiberina (intorno al 1000) il culto ebbe una grande espansione, arrivando anche in luoghi limitrofi e di passaggio come le ville non fortificate poste sulle vie consolari. Tra l’attuale Castel Viscardo e Monterubiaglio esistevano due chiese dedicate a San Bartolomeo, entrambe sul passaggio della via consolare romana detta Traiana Nova. Della prima rimangono solo alcuni reperti (poche pietre perché la maggior parte utilizzata per la costruzione di una torre all’interno del Castello) e la zona che ancora porta questa indicazione toponomastica, con il titolo parrocchiale che poi era stato portato a Castel Viscardo; della seconda sono stati ritrovati recentemente parte delle mura e dell’abside (con alcuni stralci di affreschi), al di sotto della pavimentazione dell’attuale chiesa di Sant’Antonio Abate. Entrambe erano raggiunte e segnalate dal vescovo Ponzio Perotto nel 1357 in atto di visita pastorale.
Il percorso di snoda da dentro il borgo di Castel Viscardo e la sua chiesa parrocchiale (all’interno della quale è eretto l’altare Santini nel quale si trova la pala opera di Giacomo Wernle, pittore tedesco al soldo della famiglia Spada, che rappresenta San Bartolomeo e Santa Caterina di Alessandria, i santi a cui erano dedicate le antiche chiese). Da qui si raggiungerà, attraversando Castel Viscardo, la zona nella quale scendeva la via Traiana Nova, per poi risalire verso l’Altopiano dell’Alfina prendendo poi il sentiero che conduce verso il fiume Paglia. Prima dell’arrivo al fiume visiteremo l’eremo o romitorio francescano di Santa Rufina, nel quale si trova ancora un mulino a gore, di cui le prime notizie sono del XVI secolo. Da Santa Rufina, a fine Cinquecento, risaliva quasi giornalmente padre Gerolamo de Assa, cappellano della chiesa di San Bartolomeo (ormai all’interno delle mura del Castello di Viscardo). Dopo la sosta per il pranzo si riprende la strada per Monterubiaglio, borgo nel quale si visiterà la chiesa di Sant’Antonio e i sottostanti reperti della chiesa di San Bartolomeo di cui si hanno notizie dalla seconda metà del Duecento. Entrambe le denominazioni delle chiese si persero a fine Cinquecento.

INFORMAZIONI: Per qualsiasi informazione i soci si potranno mettere in comunicazione con i responsabili del settore escursionistico: Olga Ambrogi 349 4135041 Luca Giuliani 329 2081122 Chiara Tiracorrendo 347 9547058

PRENOTAZIONI: L’ESCURSIONE È APERTA A TUTTI, PREVIA PRENOTAZIONE E PAGAMENTO DELLA QUOTA DI EURO 3, COMUNICANDO ENTRO LE 12 DI VENERDÌ 14 IL PROPRIO NOME, COGNOME E CODICE FISCALE.

Distanza: 13 km circa (7 ore incluse le soste e le visite) Dislivello: in salita e discesa 350 m. Il percorso non è un anello. Tipologia: E (Escursionismo)

I RICHIEDE AI PARTECIPANTI LA NECESSITA’ DI ABBIGLIAMENTO DA TREKKING E SCARPONI ADEGUATI.

13 Febbraio 2020

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Castel Viscardo, Territorio

Informazioni sull'autore

elzevira


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101.
Direttore Responsabile: Sara Simonetti
Editore: Elzevira di Fabio Graziani
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione