Archivio notizie, Librosì Lab, LibroSì Lab - Lettura

Tex Willer. Eroe per caso

di Gisella Carullo @ognilibrounviaggio

Tex è una serie a fumetti western incentrata sull’omonimo personaggio ideato nel 1948 da Giovanni Luigi Bonelli e Aurelio Galleppini ed edita in Italia dalla Sergio Bonelli Editore. Il personaggio nacque nel 1948 senza molte aspettative per il suo successo ma divenne col tempo un fenomeno editoriale pubblicato regolarmente dopo oltre settant’anni e oggetto negli anni anche di indagini sociologiche, tesi di laurea e iniziative volte a celebrarlo come mostre, incontri, volumi di critica e testi di saggistica. La serie è stata una delle più vendute in Italia arrivando a vendere anche 700.000 copie al mese. Il personaggio di Tex Willer venne ideato da Giovanni Luigi Bonelli e Aurelio Galleppini mentre stavano lavorando a un altro personaggio sul quale avevano concentrato le loro aspettative di successo, Occhio Cupo, una classica storia di cappa e spada. Nelle prime storie realizzate, il personaggio riprendeva molte caratteristiche dal personaggio di Occhio Cupo come i jeans così stretti da sembrare una calzamaglia, gli stivali flosci e la camicia a frange.

Successo inaspettato

Quando, contrariamente a tutte le previsioni, Occhio Cupo si rivelò un insuccesso mentre Tex incominciava a riscuotere il successo del pubblico, queste caratteristiche vennero abbandonate in favore dell’aspetto che caratterizzerà d’ora in poi il personaggio.

Il nome fu ispirato dall’insegna di un negozio milanese, “Tex Moda” mentre il cognome avrebbe dovuto essere “Killer”, ma fu stemperato in Willer su consiglio di Tea Bonelli.
Tex Willer è il protagonista della serie, un veloce e prestante pistolero di circa quaranta anni (anche se nei primi albi è più giovane), è inizialmente un fuorilegge, ma ben presto viene arruolato nel corpo dei ranger del Texas, dove conosce Kit Carson. In seguito rassegna le dimissioni ma rientra in servizio non effettivo, restando a disposizione per particolari incarichi assegnatigli dal comando e usando la stella di ranger ogni qualvolta ne ravvisi la necessità. Tex è inoltre il capo supremo di tutte le tribù Navajos, dai quali è chiamato Aquila della Notte, e assolve per conto del governo degli Stati Uniti l’incarico di agente indiano della stessa riserva. Di carattere fermo e risoluto, imbattibile nell’uso delle armi da fuoco e nella lotta corpo a corpo, Tex è il più pericoloso avversario che un criminale possa incrociare sulla sua strada, sempre pronto ad intervenire in aiuto del più debole in nome della giustizia, anche a costo di scontrarsi con la legge, ma sempre seguendo un suo codice morale. Assume per brevi periodi anche la carica di sceriffo in cittadine che necessitano di aiuto e collabora anche con l’agenzia investigativa Pinkerton. Grazie alle innumerevoli imprese insieme ai suoi pards, è famoso in Arizona e in tutto il West, arrivando a guadagnarsi l’appoggio e l’amicizia di personaggi molto influenti tra cui perfino il Presidente degli Stati Uniti.

Navajos
Il primo incontro tra Tex ed i Navajos è piuttosto turbolento: per poco Tex non viene ucciso al palo della tortura, dal quale si salva sposando Lilyth, la figlia del sakem Freccia Rossa. Con il matrimonio Tex entra a far parte della tribù, della quale diventerà in seguito capo indiscusso. Solo in rare occasioni la sua autorità è sfidata apertamente da guerrieri navajo: il più noto contendente di Tex è Sagua, il presunto figlio illegittimo di Freccia Rossa. Naturalmente, vivendo con loro, Tex riesce a comprenderne come pochi altri visi pallidi gli usi ed i costumi e ne apprezza le doti di lealtà e coraggio. Parla la loro lingua e sa comunicare attraverso i segnali di fumo.
Sfoggiare la cintura di wampum, in seguito divenuta una fascia, che gli appartiene come capo dei Navajos, gli permette inoltre di essere trattato con rispetto ed amicizia dalla maggior parte delle tribù pellerossa.

Tex, in qualità di agente indiano della Riserva Navajo, ne gestisce l’economia. Grazie allo sfruttamento di alcuni giacimenti auriferi all’interno della riserva stessa, dispone di considerevoli risorse economiche custodite nelle banche di Flagstaff e Gallup.
Nel fumetto la presenza femminile è alquanto scarsa. Solo nei primissimi albi ne ritroviamo qualcuna, in particolare Tesah, Marie Gold e Lupe. La stessa Lilyth compare solo in pochi episodi iniziali e in alcuni rarissimi flashback. Se prima dell’entrata in scena della moglie Tex non sembra insensibile al fascino femminile, dopo la sua scomparsa non instaura più relazioni affettive con altre donne. Se ad Aquila della Notte non sono più state attribuite relazioni sentimentali, recentemente ne hanno avute, in più di un’occasione, i pards. Anche nel ruolo di nemiche il gentil sesso fa capolino nel fumetto solo saltuariamente.

I pards
Bonelli incentrò il suo fumetto su quattro personaggi al servizio della giustizia. Il protagonista si riferisce a loro come ai suoi pards, ovvero “soci” in inglese, e così indicati nei testi del fumetto. Pur non presenti in tutte le storie, i tre pards di Tex, sono spesso al suo fianco: Carson è il personaggio che compare più frequentemente, quasi in tutte le storie, mentre i restanti due, il figlio Kit e l’indiano Tiger, compaiono meno frequentemente. Se la coppia Tex e Carson è la più frequente, negli anni sono state proposte tutte le possibili combinazioni, tra le quali quella del quartetto completo è preferita in modo particolare nelle storie di ampio respiro.

L’ambientazione
Gli autori hanno descritto con molta precisione le ambientazioni delle storie narrate, la maggior parte delle quali si svolgono nei territori del sud-ovest degli Stati Uniti e in particolare l’Arizona, dove è localizzata la riserva presso cui il protagonista dimora assieme ai pards, il Texas e il New Mexico. I confini “estremi” delle avventure sono invece molto più estesi, delimitati a nord dalla gelida Alaska e dal Canada, e a sud dal Messico, territori, specie l’ultimo, visitati non di rado da Tex.

Nel 1985 ne fu realizzata anche una trasposizione cinematografica.

Gisella Carullo è la blogger di

@ognilibrounviaggio  una pagina  Instagram dedicata a libri e fumetti. Collabora con autori e case editrici, ama leggere e recensire. Per LibroSì Lab ogni 15 giorni scrive per la rubrica dedicata a fumetti, anime, manga.

26 Novembre 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Librosì Lab, LibroSì Lab - Lettura

Informazioni sull'autore

Leandra


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Elzevira di Fabio Graziani Editore.
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione