Archivio notizie, Librosì Lab, LibroSì Lab - interviste

Da brutto anatroccolo a scrittrice emergente. 5 domande a Judith Sparkle di @libriinunmondorosa

Intervista a cura di @libriinunmondorosa

Con la short interview #5domandeperlautore ideata e firmata dalla blogger @libriinunmondorosa, conosciamo l’autrice emergente che pubblica con lo pseudonimo Judith Sparkle. Scopriamo i suoi esordi su Wattpad, le difficoltà e i sogni. Parlando anche del suo romance con suspance, “Tutta la luce che abbiamo”.

Quando hai iniziato a scrivere?

Ho iniziato a scrivere all’università quando ho conosciuto mio marito, mi ha “attivato”‘ qualcosa che era lì dentro di me e aspettava di accendersi. Da allora non ho più smesso, quindi a conti fatti è venti anni che scrivo. All’inizio però scrivevo “per me”, nel 2006 ho aperto il primo blog su consiglio di un’amica e ho iniziato a confrontarmi con altri autori con la mia stessa passione. Nel 2011 è arrivato Amazon e mi sono lanciata come autrice indipendente, prima col mio vero nome scrivendo una serie young adult, poi con lo pseudonimo Judith Sparkle pubblicando narrativa femminile (La serie young adult è “Sorpresa da un angelo”, una trilogia che parla di angeli, pubblicata in self su Amazon con nome Elisabetta Modena).

Come hai avuto l’ispirazione per il tuo romanzo ‘Tutta la luce che abbiamo’?

Quel romanzo è nato su wattpad. Volevo scrivere una storia leggera per le lettrici che mi seguono, all’inizio era narrata solo dal pov (point of view n.d.r.)  di Rachel. Andando avanti mi sono accorta che prevaleva l’elemento suspense e che potevo ricavarne un buon romanzo, così ho aggiunto il pov di Adam e l’ho ampliata, in  previsione della pubblicazione su Amazon. È stata difficile da scrivere perché ho dovuto bilanciare l’elemento “romance” e quello “suspense”, a tutt’oggi forse aggiungerei altre scene romantiche.

Il personaggio di Rachel ti assomiglia?

In parte sì, ha la mia passione per l’arte, è coraggiosa, si sente bruttina e anch’io mi consideravo un brutto anatroccolo da ragazzina… diciamo che in ogni personaggio principale femminile c’è qualcosa di me.

Cosa provi quando vedi il tuo libro pubblicato?

Una gioia enorme, ormai ho anche una squadra collaudata che mi aiuta con la pubblicazione e la promozione per cui mi sento fortunata. È meraviglioso sapere di poter far sognare le lettrici con le proprie storie, non chiedo altro.

Che consiglio daresti ad un aspirante scrittore?

Sembrerà banale ma innanzitutto leggere. Poi confrontarsi con altri autori e pensare che non si è mai arrivati. Pubblicato il primo romanzo sembra che il più sia fatto, invece ogni volta è un’esperienza a se, ci sono romanzi che vanno bene e altri che non decollano (nonostante tu metta lo stesso impegno in tutti), quindi sempre rimboccarsi le maniche e ricominciare. Sempre.

@libriinunmondorosa: è Alice, una blogger con la grande passione per i libri e per i romanzi rosa. Il suo profilo Instagram e il suo blog “Libri in un mondo rosa”  sono ricchi di articoli, interviste e foto colorate e accattivanti. Ha una grande attenzione per le nuove uscite e per gli autori emergenti in particolare, che coinvolge nella sua frizzante rubrica #5domandeperlautore.

Seguitela se volete consigli di lettura colorati di rosa e di sogni.

La trama di ‘Tutta la luce che abbiamo’: La ventiduenne Rachel Anderson ha una vita difficile: orfana di padre, anziché essere al college come le sue coetanee più fortunate, deve lavorare alla tavola calda del paese per aiutare in casa. Adam Sutter invece è baciato dalla fortuna. È un ragazzo attraente e abituato al successo tra i suoi coetanei: è il figlio del temuto giudice Sutter, un’autorità a Secrets, e frequenta l’ultimo anno della Duke. Anche Adam – come il padre – detta legge in città. Ma ciò che gli altri non sanno è che lui odia l’università e suo padre che gli ha sempre pianificato la vita fin nei minimi dettagli. Una notte Adam salva Rachel da un’aggressione: entrambi restano loro malgrado coinvolti nelle indagini della polizia su un crimine efferato e le loro vite s’intrecciano in modo irreversibile. Per difendere la ragazza dalle ingiuste accuse che le vengono mosse, Adam decide di prendersi delle colpe non sue, anche a costo di sfidare il potente genitore. Anche a costo d’innamorarsi di lei. Ma non immagina che scegliere di amare Rachel significa rischiare la prigione e rivelare il torbido passato della propria famiglia. Proprio quando la situazione precipita e i due giovani corrono il pericolo di trovarsi invischiati in un intrigo ben più grande, il loro amore può diventare la chiave per riportare la luce in un passato di colpe rimaste impunite, d’inganni celati, di ombre che oscurano le loro vite come il lato buio della luna.

Judith Sparkle è sposata e ha due grandi amori: la sua famiglia e la scrittura. Lavora come editor freelance. Ama sognare ad occhi aperti e leggere storie che le trasmettano speranza, positività, amore per la vita. I suoi autori preferiti sono tantissimi: Amy Harmon, Colleen Hoover, Nicholas Sparks, Nicolas Barreau, Jojo Moyes, Katie Cotugno, Kasie West, Cecilia Ahern, Kiera Cass e molti altri. E ama scrivere storie che trasmettano emozioni positive e che facciano star bene i lettori.

Instagram: @judithsparkle, Wattpad: @AngelRose74, Twitter: @cappellodilibri

 

12 Giugno 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Librosì Lab, LibroSì Lab - interviste

Informazioni sull'autore

Leandra


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Elzevira di Fabio Graziani Editore.
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione