Archivio notizie, Otre l'Orvietano, Terni

Haiku di città, Francesco Mecucci presenta il suo volume alla Biblioteca di Terni

TERNI – Una raccolta di haiku, la più breve forma di poesia, di ambientazione urbana e metropolitana. Questo è “Haiku di città”, libro d’esordio del giornalista Francesco Mecucci, edito da Scatole Parlanti e uscito lo scorso dicembre.
L’autore sarà ospite alla Biblioteca comunale di Terni, in Piazza della Repubblica, martedì 14 maggio 2019 per una presentazione presso il caffè letterario a piano terra. L’incontro, a ingresso gratuito, inizierà alle ore 17 e sarà condotto da Benedetta Lomoni.

Faccio il giornalista, non ho particolari velleità letterarie e non avrei mai pensato di comporre haiku, né che li avrei raccolti in un libro. Invece è successo. La magia dell’haiku d’un tratto mi ha preso”. Queste le parole di Francesco Mecucci, nato nel 1982, dal 2014 direttore di Move Magazine, rivista di cultura, spettacolo e lifestyle.
“I miei haiku – ha proseguito l’autore – sono nati tra le strade di Roma, New York, Berlino, Amsterdam, Vienna, Lisbona, Milano ma anche di realtà più contenute come Terni, Viterbo, Perugia, Siena. Oppure mi sono lasciato ispirare da vari profili Instagram, ricchissimi di foto scattate in contesti metropolitani. In questi haiku provo a trasmettere al lettore quelle suggestioni che in me suscitano la città e la realtà urbana durante i vari periodi dell’anno”.

“Haiku di città” raccoglie circa 150 haiku contemporanei che Mecucci ha composto tra asfalto e grattacieli, treni e aeroporti, stadi e insegne luminose, fast food e sale d’aspetto, traffico caotico e vie silenziose, notti d’estate tra i palazzi e albe nebbiose d’inverno nei parchi. Perché la città è evoluzione continua, è sempre in movimento, è tante cose, ma soprattutto è il luogo dove si inseguono i sogni.

L’haiku, sviluppatosi in Giappone nel Seicento, è la forma di poesia più breve al mondo. Matsuo Basho è stato l’haijin – poeta di haiku – più rappresentativo, ma anche Ungaretti, Kerouac, Borges, Claudel, Ginsberg si sono cimentati con questo componimento. Ogni haiku fissa in tre versi una pulsazione dell’universo con immediatezza, semplicità, eleganza e intensità ed esprime un rapporto profondo tra l’autore e l’ambiente, spesso naturale, che lo circonda. E se la sua natura, sembra chiedersi Mecucci, fosse invece la città, la realtà urbana e metropolitana, con la sua varietà di persone, luoghi, suoni, colori, stili? “Mi sono ritrovato a fissare di getto, sul mio taccuino, fuggenti istanti di vita urbana sintetizzati nei tre versi tipici di ciascun componimento”. Non pensava di comporre haiku, ma lo ha fatto.

Francesco Mecucci, nato a Viterbo nel 1982, è giornalista. Si è formato alla Scuola Superiore di Giornalismo LUISS di Roma. Ha scritto per Il Tempo e La Provincia Pavese e collabora con magazine sportivi online. Dal 2014 è direttore di Move Magazine, rivista di cultura, spettacolo e lifestyle delle province di Terni e Viterbo. “Haiku di città” è la sua prima opera letteraria.

La scheda
Titolo: Haiku di città
Autore: Francesco Mecucci
Collana: Echi
ISBN: 978-88-3281-134-6
Pagine: 72
Prezzo di copertina: € 9,90
Disponibile su ordinazione in tutta Italia presso le principali catene di librerie.
Acquistabile online su Amazon, IBS, LaFeltrinelli e sul sito della casa editrice www.scatoleparlanti.it.

 

13 Maggio 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Otre l'Orvietano, Terni

Informazioni sull'autore

redazione2


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Elzevira di Fabio Graziani Editore.
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione