Celebrazioni a Orvieto per il “Giorno del Ricordo”
Archivio notizie

Celebrazioni a Orvieto per il “Giorno del Ricordo”

ORVIETO – L’Amministrazione Comunale invita i cittadini a partecipare alla celebrazione del “Giorno del Ricordo delle vittime delle foibe, dell’esodo degli istriani, fiumani e dalmati dalle loro terre di millenario insediamento autoctono nell’Adriatico Orientale alla fine della Seconda Guerra Mondiale, istituito con legge nazionale n. 92 del 30 marzo 2004.

“La Repubblica Italiana – è scritto nel manifesto dell’Amministrazione Comunale – riconosce il giorno 10 febbraio quale Giorno del Ricordo, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

Per conservare e rinnovare la memoria di questi avvenimenti, giovedì 14 febbraio alle ore 11 al Teatro Mancinelli è in programma Esodo – Testimonianza; incontro gratuito con Simone Cristicchi riservato alle scuole di 2° grado a cura dell’Associazione TeMa.

Sabato 16 febbraio 2019 alle ore 11 presso la Sala Consiliare del Comune di Orvieto si terrà invece il convegno dal titolo “La Generazione del ricordo: dalla legge 92/2004 a oggi, buone pratiche per la trasmissione e la valorizzazione del Ricordo”, promosso dalla Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati e patrocinato dal Comune di Orvieto.

L’incontro si aprirà con il saluto del sindaco di Orvieto, Giuseppe Germani, a cui seguiranno gli interventi di: Antonio Concina, sindaco Emerito della Città di Orvieto – Il valore del Ricordo, Antonio Ballarin, presidente FederEsuli / Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati – Esodo e diritti umani. Il ruolo asfittico delle Istituzioni italiane e Maria Rita Cosliani, Curatrice del Progetto Mailing List Histria, La Preservazione della lingua italiana in Istria, Fiume e Dalmazia.

Sull’importanza del “Giorno del Ricordo” proprio Antonio Concina, già Sindaco di Orvieto afferma: “Per gli esuli fiumani, giuliani e dalmati sta finendo la stagione dei ricordi e della nostalgia. Inesorabilmente se ne sta andando la generazione degli ultimi nati nelle terre del confine orientale, perdute dopo il Trattato di Pace di Parigi del 1947. Generazione della quale faccio parte anche io, nato a Zara.
Il faticoso obiettivo è quello di raccontare alle generazioni successive alle nostre la storia dei loro genitori, nonni, avi. Storia che negli ultimi sessant’anni era stata messa in un angolo, mai insegnata e nemmeno ricordata ai nostri ragazzi nelle scuole, fino alla legge del 30 marzo 2004, n. 92, con l’istituzione del Giorno del Ricordo (10 febbraio di ogni anno), giorno della firma dell’infausto Trattato di Pace, alla fine della Seconda Guerra mondiale, che ha tolto un po’ di polvere dai dolorosi avvenimenti degli anni quaranta.
Si parla molto di foibe, vicenda infame, che ha colpito migliaia di persone spesso innocenti. Si parla molto di foibe, ma non è questo l’argomento che noialtri ‘veci’ vogliamo sollevare e ricordare. Le foibe sono un terribile, selvaggio, crudele delitto, che peserà per sempre nei cuori e nelle anime degli assassini. Ma il delitto più grande, più spregevole, è quello di aver costretto 350.000 persone ad abbandonare le loro case, dove per secoli avevano vissuto laboriosamente, sotto il lunghissimo dominio di Venezia e successivamente dell’Impero Austro-Ungarico e del Regno d’Italia. E dove ogni pietra parlava italiano. Laboriosamente e pacificamente, con i fatali contrasti delle terre di confine, dove le maggioranze pacifiche sono spesso sopraffatte da manipoli di delinquenti esaltati e di balordi, spesso ammantati di improbabili ideologie politiche. Ma questa è storia di tutti i giorni.
Ecco perché per noi ‘veci’ il Giorno del Ricordo rappresenta uno sforzo terribile per recuperare le memorie culturali delle nostre terre, provando a dialogare con croati e sloveni, finalmente con qualche confortante successo. Proprio in questi giorni, a Fiume, sta iniziando una commovente iniziativa per utilizzare il bilinguismo nelle strade, sugli autobus, sui palazzi della città.
Le tragedie non vanno dimenticate, certo. E il contributo di Simone Cristicchi (col suo ‘Magazzino 18’) e del recente film ‘Red Land’ sul calvario di Norma Cossetto sono fondamentali. Per non dimenticare. Ma le tragedie vanno metabolizzate e superate. E’ quello che proviamo a fare nel Giorno del Ricordo, girando per le Scuole e per le piazze, parlando di Fiume, di Pola di Zara. Felici e gratificati se vediamo finalmente qualche sguardo assorto e perfino commosso. Per questo rendiamo onore e siamo grati al Presidente Mattarella, che vuole dare personalmente alla nostra giornata il valore del suo alto riconoscimento.  Grati a lui e a tutti quelli che si soffermeranno per un minuto a riflettere sulla pulizia etnica effettuata nelle nostre terre, pesante macigno per tutti quelli che negli anni scorsi lo hanno voluto colpevolmente dimenticare”.

La celebrazione solenne del “Giorno del Ricordo” promossa dalla Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati si terrà, infatti, al Palazzo del Quirinale, Sabato 9 febbraio alla presenza del Presidente Sergio Mattarella.

14 Febbraio 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie

Informazioni sull'autore

redazione2


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Febbraio: 2019
L M M G V S D
« Gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy