Incassi record per il Pozzo di San Patrizio, Vincenti: “Frutto di una progettualità di medio e lungo respiro”
Archivio notizie, Economia

Incassi record per il Pozzo di San Patrizio, Vincenti: “Frutto di una progettualità di medio e lungo respiro”

 

Ottocentomila euro per 185mila visitatori. Sono i numeri da record che girano intorno al Pozzo di San Patrizio. A renderli noti è l’assessore al turismo Andrea Vincenti che snocciola i dati. “Il Pozzo nel 2018 ha ricevuto 65 mila visitatori in più e incassato 300.000 euro in più rispetto al 2013 – spiega – numeri importanti soprattutto, se consideriamo il trend di crescita consolidato dell’ultimo quinquennio e se guardiamo al valore medio dei visitatori (circa 118.000) e degli incassi (circa € 495.000) nel quinquennio 2009-2013. A conti fatti, dunque, abbiamo conferma che la promozione funziona e il lavoro ripaga”.

“Il superbo programma condotto sul Pozzo, in questi anni, da Alessandra Cannistrà (riqualificazione degli ingressi, delle uscite e dei sistemi di pagamento; nuovi bagni su Viale Sangallo e riqualificazione totale dell’area, riapertura degli spazi a Piazza Cahen con apertura di una nuova biglietteria; iniziative di promozione come St. Patrick’s Day; campagne promozionali e televisive mirate; servizi aggiuntivi di promozione e visite guidate; bookshop, ecc.) assieme al costante e appassionato lavoro da parte di tutto il personale dei servizi comunali competenti per Cultura e Turismo, oltre ai vari altri soggetti coinvolti nel quotidiano esercizio della struttura (in primis, Sistema Museo, Carta Unica e da ultimo anche CicloStile) hanno in pochi anni rinnovato l’immagine del monumento, sia a Orvieto che nel mondo. Coi risultati che vediamo” ha aggiunto Vincenti.
“Tutto questo – tiene a precisare l’assessore – è frutto non del caso, né di estemporaneità, bensì di una progettualità di medio e lungo respiro che, partendo dalle esigenze immediate si è proposta e si propone di valorizzare non solo il Pozzo, bensì tutta l’area circostante, che comprende il Tempio del Belvedere e la Fortezza Albornoz, e la ricollega, da una parte, al cuore cittadino e quindi alla Torre del Moro ed al Palazzo del Popolo; dall’altra all’Anello della Rupe ed al percorso delle “Piagge”.  L’azione è sostenuta attraverso progetti, tra cui il “Rupe Valle” già finanziato nell’ambito delle Aree Interne, che hanno lo scòpo, appunto, di rafforzare in ogni senso il legame del centro con la valle, seguendo i tracciati storici, tuttora attuali e fruibili, a beneficio sia degli orvietani che dei visitatori. Molto c’è ancora da fare. Ma quando diciamo che siamo sulla strada giusta e che possiamo guardare avanti con fiducia e orgoglio, abbiamo argomenti”. Vincenti, poi, snocciola i numeri:

Anno               Paganti               Incassi
2009                120.409              € 491.170
2010                114.359             € 480.927
2011                 123.211            € 517.257
2012                 113.207            € 474.321
2013                 120.722           € 509.363
2014                 142.742           € 609.522
2015                 147.664           € 636.982
2016                 156.597           € 674.994
2017                 150.455           € 657.088
2018                  185.500           € 795.000

9 Gennaio 2019

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Economia

Informazioni sull'autore

elzevira


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Gennaio: 2019
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy