Archivio notizie, Cultura, Territorio

Allerona si veste d’argento con la serata dedicata ai monologhi

pontillo.php

Un uomo solo, artisticamente “nudo”, un pubblico da catturare con la sola forza della propria voce e dei propri gesti, una storia a cui dare corpo e vita. Mercoledì 29 luglio alle ore 21.15, sul palcoscenico del 18° Festival Nazionale di Teatro Amatoriale Premio Stella d’Oro, sarà la volta dei monologhi.

Una sfaccettatura particolare del teatro e dell’essere attori, per molti aspetti ancor più complessa e delicata, a cui la rassegna alleronese dedica uno spazio speciale grazie al Premio Stella d’Argento per la migliore interpretazione, istituito nel 2003, e al Premio UNICOOP Tirreno all’autore del miglior testo, riconoscimento questo assegnato a partire dal 2007.

A prendere possesso della scena saranno Gianni Pontillo da Ostia Lido (Roma) e l’opera di Alessandro Martorelli di Massa D’Albe in provincia de L’Aquila.

Pontillo ha conquistato la Stella d’Argento 2015 grazie a una tanto fedele quanto personale interpretazione di un classico di Dario Fo, “Mistero Buffo”. L’irriverente testo del 1969, che trae spunto dai vangeli apocrifi e dai racconti popolari sulla vita di Gesù, mira, attraverso uno stile attoriale portato all’estremo e ad un linguaggio onomatopeico e grottesco, a demistificare la storia e la letteratura ufficiale riabilitando la cultura popolare e il suo ruolo fondante nell’ambito del teatro e dell’arte in generale. Gianni Pontillo, fondatore e direttore del Teatro Dafne1 di Ostia, ha già avuto modo di portare il suo approccio filologico del testo di Fo in Grecia, Germania, Brasile, Cuba, Estonia e Tunisia e nella serata del 29 luglio si confronterà con la platea di Piazza Santa Maria per due ore di puro, intelligente, divertimento.

Ma i riflettori saranno puntati anche su Alessandro Martorelli, fondatore della compagnia Teatranti Tra Tanti e artista che coniuga nella sua attività la musica, la recitazione e la scrittura creativa. Si definisce “un demiurgo dell’arte versatile” e di sé racconta: «In tenera età scrivevo già dei raccontini, delle belle storie, a detta della mia professoressa della Scuola Media di allora. La mia peculiarità risiedeva nel fatto che poi, quelle storie, io le raccontavo a voce, donando loro corpo e densità». Una passione dalle mille sfaccettature, dunque, quella di Alessandro Martorelli, che alla 18° edizione del Premio Stella d’Oro di Allerona si è aggiudicato, dopo un’attenta valutazione delle proposte pervenute da parte della giuria, l’ambito premio offerto da UNICOOP Tirreno al miglior autore di monologhi. Il testo che gli è valso questo riconoscimento si intitola “Gli occhi di un detenuto”.

La distanza tra l’attore e il suo pubblico si fa piccola. Si può quasi sentire il cuore che batte nel petto del personaggio che si muove, parla, vive sulla scena di fronte a noi. Tutto ha origine in quel corpo che racconta, arriva alla testa e all’anima di chi è seduto nella penombra della platea e torna sul palcoscenico, doppiamente forte e intenso. È l’incantesimo della narrazione teatrale il quale, che sia esso ad opera di dieci, cento o un solo attore, alleggerà sulla notte alleronese anche in questa sesta serata del Premio Stella d’Oro 2015.

29 Luglio 2015

Vedi tutte le notizie delle categorie:

Archivio notizie, Cultura, Territorio

Informazioni sull'autore

stefi


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Redazione

Orvietosì © 2002 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101.
Direttore Responsabile: Sara Simonetti
Editore: Elzevira di Fabio Graziani
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy

Nuova versione