Ripristino elisoccorso all’ospedale di Orvieto, in attesa dell’autorizzazione regionale

Categoria: Archivio notizie,Secondarie,Territorio

 

ORVIETO – Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dalla Cons.ra Lucia Vergaglia (Capogruppo “M5s”) per iniziative a sostegno e ripristino dell’elisoccorso dell’Ospedale di Orvieto.
Il documento impegna il Sindaco e la Giunta, d’accordo con la dirigenza dell’Ospedale, l’Azienda Sanitaria e la Centrale Operativa Unica ad avviare un percorso di soluzione degli attuali problemi che concorrono alla minore efficienza di Emergenza Urgenza ed Accettazione sul nostro territorio informando degli incontri e depositando copie dei verbali presso la I Commissione consiliare “Conferenza dei Capigruppo”.
Copia dell’Ordine del Giorno sarà inviata ai comuni contigui di: Allerona, Baschi, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Ficulle, Montecchio, Porano e San Venanzo, alla Provincia di Terni ed alla Regione Umbria.

Illustrando le premesse del documento la Cons.ra Vergaglia ha evidenziato che “presso l’ospedale ‘Santa Maria della Stella’ di Orvieto oltre alle funzioni di Pronto Soccorso risulta essere attivo un dipartimento di Emergenza Urgenza ed Accettazione (DEA) di primo livello in cui si garantisce oltre alle prestazioni fornite dagli ospedali sede di Pronto Soccorso anche le funzioni di osservazione e breve degenza, di rianimazione e, contemporaneamente, deve assicurare interventi diagnostico-terapeutici di medicina generale, chirurgia generale, ortopedia e traumatologia, cardiologia con UTIC (Unità di Terapia Intensiva Cardiologia). Sono inoltre assicurate le prestazioni di laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologiche, di diagnostica per immagini, e trasfusionali.
E’ certamente onere del Comune di Orvieto rimuovere gli ostacoli all’accesso a tale presidio e concorrerne alla migliore funzionalità ed efficienza insieme agli altri organi dello Stato nei limiti posti in spirito di leale collaborazione. Al riguardo, esiste una adeguata area di elisuperficie contigua al Presidio ospedaliero riconosciuta, tra l’altro, dalla centrale operativa unica Umbria 118 che coordina i mezzi ed il personale sanitario delle due Aziende Sanitarie territoriali Umbria 1, Umbria 2 e dell’Azienda Ospedaliera di Perugia.
Si evidenzia, tuttavia, lo stato di degrado di tale elisuperficie che in maniera non esaustiva va dalla scarsa visibilità delle strisce indicanti lo spazio riservato all’utilizzo degli stessi colori del parcheggio in difetto di quanto previsto dai regolamenti ENAC che prescrivono il colore giallo per l’area circolare attorno alla H della zona di atterraggio, dalla mancanza di segnaletica di sicurezza a quella della manica a vento.
E’ evidente che, in assenza di chiare e visibili segnalazioni, tale area viene considerata dai visitatori dell’Ospedale e dall’utenza come estensione del vicino parcheggio e pertanto viene occupata dalle auto creando di fatto una condizione di pericolo e comunque impedendo al servizio di svolgersi con efficienza ed efficacia”. 

Dibattito:
Claudio Di Bartolomeo (PSI): “l’ordine del giorno pertinente. Nel piazzale abbiamo una H appena accennata tanto che quando è servito impegnare un elicottero per il soccorso sono stati necessari li appelli della direzione sanitaria a lasciare libero lo spazio. Sicuramente qualcuno accamperà difficoltà di applicazione delle normative oppure se al nostro Ospedale spetti o meno l’eliporto, resta il fatto che la segnaletica per l’eliporto va accentuata e segnalata affinché la superficie non diventi un parcheggio“. 

L’Assessore alla Sanità, Roberta Cotigni ha ringraziato la Consigliera Vergaglia per aver proposto l’ordine del giorno “perché – ha detto – mi ha permesso di affrontare subito un problema confrontandomi con la Regione e precisamente con il dott. Manzi Direttore Sanitario della USL Umbria 2.  Nell’ordine del giorno c’è una inesattezza nel terzo punto, e qui riferisco a quanto comunicatomi dal Direttore Sanitario, e cioè presso il Presidio Ospedaliero di Orvieto non è presente una elisuperficie, che peraltro è soggetta ad autorizzazione ENAC, come da disposizioni vigenti. Infatti in caso di emergenza clinica, che richieda il trasporto urgentissimo del paziente presso Ospedale DEA, in base alle indicazioni della Centrale Operativa 118, viene consentito l’atterraggio dell’elicottero nel parcheggio dell’ospedale, nella zona non distante dal Pronto Soccorso. Come purtroppo è già successo ultimamente in più di un caso. 
L’incontro è stato importante poiché, mi è stato già stato anticipato in modo informale, che si è in attesa di formale comunicazione da parte della Regione Umbria riguardo l’autorizzazione per poter realizzare l’elisuperficie poiché rientra nell’ambito di un più ampio piano di razionalizzazione del sistema di trasporto pazienti. Sarà mio compito monitorare e verificare che ciò avvenga. Frattanto ho anche chiesto di mettere a posto la strada di competenza dell’Ospedale”.

Vergaglia: “concordo sulle sottolineature di cui ha parlato Di Bartolomeo segno che anche gli operatori sono consapevoli del problema. Saremo ben lieti che quanto contenuto nell’informativa data dall’Assessore si possa realizzare il primo possibile”.
 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login