Azzurra Ceprini Orvieto, buona la prima

Categoria: Archivio notizie,Sport

L’avvio di un campionato non è mai scontato. Un gruppo nuovo, qualche salto di categoria, le amichevoli di precampionato che avevano fatto scattare qualche piccolo allarme sul piano del gioco, la prima sfida contro Campobasso, una delle squadre più quotate del girone Sud. Per la squadra di coach Romano si preannunciava quindi una prima di campionato fuori casa per niente facile.
In effetti alla palla a due le due squadre sembrano contratte, Campobasso in particolare. I primi dieci minuti scorrono con i due quintetti che cercano le misure in attacco e provano ad alzare il muro della difesa, arrivando alla sirena su 17 pari. Nel secondo quarto le nostre iniziano a prendere confidenza con la nuova stagione, mettono da parte l’emozione di giocare davanti ad un pubblico caloroso che spinge la squadra di coach Sabatelli. In difesa Manfrè e compagne sono compatte, in attacco Porcu organizza il gioco e Rupnik inizia a macinare punti. Il parziale è di 10-15 e si va al riposo lungo sul punteggio di 27-32. Negli spogliatoi si suona la carica, la squadra di casa è ancora poco sciolta e Romano e De Fraia ne approfittano per motivare tutte in vista degli ultimi 20 minuti di gioco.

La cura ha effetto perché il terzo quarto è ancora a favore della Ceprini non solo nel punteggio ma anche nel gioco offensivo e nella fase difensiva. Le rotazioni funzionano con precisione e ognuna dà perfettamente il proprio contributo per raggiungere l’obiettivo finale. Un terzo quarto con il parziale ancora positivo e con un +7 che distende un po’ tutti. Il 38-45, però, non è sufficiente per considerare la partita chiusa e c’è bisogno dello strappo definitivo nell’ultimo periodo di gioco per portare a casa i due punti. Tutto gira per il verso giusto. Chi è in campo difende, corre, attacca e segna. Applica tutto ciò che è stato preparato nell’ultima settimana ed è esattamente quello che ogni allenatore vorrebbe. Rupnik, Lombardo e Manfrè sono in doppia cifra, Boni quasi e con il parziale di 9-16 si arriva all’ultima sirena. Il tabellone segna 47-61, è fatta.

Massimo Romano sorride e commenta così la prima uscita: “Sapevamo che sarebbe stato un esordio difficile, contro una squadra solida e con buone individualità. Abbiamo trovato un ambiente “super” ed un pubblico estremamente caloroso (ma anche molto corretto) pronto a spingere la propria squadra. Nonostante questo abbiamo approcciato benissimo la partita, seguendo ed applicando tutto ciò che è stato preparato nelle settimane precedenti. Dopo i minuti iniziali, abbiamo giocato senza una particolare pressione ed anche questa è stata una delle nostre armi vincenti. Campobasso mi è sembrata contratta, anche quando hanno avuto la possibilità di prendere tiri con un ampio vantaggio sulla nostra difesa. Noi, invece, in attacco abbiamo sempre cercato soluzioni pulite e trovato il canestro con tiri aperti ed abbiamo difeso sempre con attenzione, contenendo molto bene Dzinic.
La vittoria, però, è arrivata soprattutto perché c’è stato l’apporto di tutte, ognuna ha costruito qualcosa di positivo per la squadra ed è quindi un risultato del gruppo, fondamentale quando si incontrano squadre come Campobasso.”

Buona la prima quindi: buona la prima della coppia Romano-De Fraia, buona la prima del Gruppo con la maiuscola, buona la prima di Azzurra Gaglio che ha portato al debutto una squadra a posto atleticamente, buona la prima di Maurizio Saiu che dietro le quinte completa il lavoro corale di tutto lo staff.
Un primo passo positivo ma che è necessario ripetere già Sabato 7 Ottobre, quando al Palaporano arriverà Civitanova Marche.

CAMPOBASSO: Alesiani 6, Ciavarella 7, Di Gregorio 4, Reani 8, Dzinic 8, De Pasquale 6, Di Costanzo 8, Dentamaro, Corsetti ne, Landolfi ne. All. Sabatelli.
AZZURRA CEPRINI ORVIETO: Porcu 6, Rupnik 21, Lombardo 11, Bambini 2, Manfrè 11, Chrysanthidou 2, Coffau, Boni 8, Kolar, Presta ne. All. Romano.  (Flavio Benedetti)


Devi essere registrato per inserire i commenti Login