VACANZE ORVIETANE secondo Gianni Marchesini

Categoria: Archivio notizie,Cultura,Secondarie

di Gianni Marchesini

Semi affacciato alla finestra ho assistito senza volerlo a un dialogo tra due uomini nell’appartamento confinante con il mio nei pressi di Piazza del Popolo.

PRIMO UOMO: “Come mai fai le valigie?
SECONDO UOMO: “Vò tre giorni in vacanza…
PU “Ah sì, so’ contento! E do’ vai?
SU “Vò al Duomo, ho preso in affitto ‘n piccolo appartamento…
PU “Al Duomo? Ma come, da Piazza del Popolo al Duomo?
SU “Sì, lassù c’è l’aria bòna, le fije possono giocà sulla piazza che non ce so’ le macchine, se ciài culo pòi ‘ncontrà Bocelli…
PU “Ma che t’ha dato de volta ‘l cervello?…
SU “Oh, io ciò tre giorni, ce vòle uno dé viaggio se te va bene, intanto che te sisteme, sarà de grazia se fai ‘n giorno e mezzo de vacanza…
PU “Mo davero davero che pé annà al Duomo ce vòle ‘n giorno de viaggio?
SU “No, pé scherzo! Hai da caricà la machina co’ tutte le bagattelle, hai da uscì da Orvieto, domannà come se fa che nun cià capito ‘n cazzo nessuno, hae da fa tutto ‘l giro col traffico bloccato che tutte hanno da fa ‘l giro, hae da sta attento a ‘mboccà bene sinnò te ritocca fa ‘l giro ‘n’artra diecina de volte, si te capita de ‘mboccà bene te trove intricato dentro ‘n posto sconosciuto che è Orvieto Ovest, si domanne a qualcuno de quella parte te risponne: “Domanna a Gnagnarini”…Poe, su al Duomo mica ce vae co’ la machina, si nun rivoi fa ‘l giro hae da pijà tutte le baghattelle a mano, sarà ‘n miraquolo si rive la sera tardi…
PU: “Io fossi ne le tu’ panne pijerei ‘n pajo de stanze a Fontanasecca sinnò mesà che tre giorne de vacanza pé ‘l Duomo so’ ‘n po’ poche.”

 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login