St. Patrick’s Day 2018, gli appuntamenti per festeggiare la ricorrenza: Arpa celtica e Danze irlandesi
Archivio notizie, Territorio

St. Patrick’s Day 2018, gli appuntamenti per festeggiare la ricorrenza: Arpa celtica e Danze irlandesi

 

ORVIETO – Dopo lo scorso anno, con il debutto nel Global Greening l’evento internazionale promosso da Turismo Irlandese, anche quest’anno – sabato 17 marzo (festa di San Patrizio) – il Pozzo di San Patrizio di Orvieto partecipa alla 9^ edizione dell’evento celebrativo del Saint Patrick’s Day. Lo fa con un ricco programma di appuntamenti anticipati ed illustrati dall’assessore alla Cultura del Comune Alessandra Cannistrà.
 “Al tempo in cui San Patrizio (vissuto nel V secolo) evangelizzava senza grande successo i recalcitranti irlandesi, cercando di convertirli con la paura dell’Inferno e la seduzione del Paradiso, Gesù gli mostrò in un luogo deserto una cavità rotonda e oscura, e gli disse che se qualcuno animato da un vero spirito di penitenza e di fede vi avesse trascorso una notte e un giorno sarebbe stato purgato di tutti i suoi peccati e avrebbe potuto vedere le torture dei cattivi e le gioie dei buoni. San Patrizio si affrettò a costruire una chiesa a fianco della cavità… a far circondare la fossa con un muro e a chiuderlo con una porta… Il luogo fu chiamato purgatorio”.

Questa vicenda così sintetizzata da Jacques Le Goff, storico tra i più grandi nello studio della società occidentale del Medioevo – fa sapere l’assessore – ha avuto un ruolo essenziale nella storia di quella che egli delineò come La nascita del Purgatorio (suo libro del 1981):  il “terzo luogo”, come poi lo chiamò Lutero, che non compare nelle Scritture, si affaccia nella storia della cristianità nella seconda metà del XII secolo, nel momento della fioritura pre-umanistica dell’Occidente medievale, per diffondersi poi rapidamente nel secolo successivo con una tradizione che giunge fino all’epoca moderna.
 Come si lega il pozzo di Orvieto, originariamente chiamato “pozzo della Rocca”, a questa tradizione? Quando e perché la sua storia si intreccia a quella del santo irlandese e di una della grandi “invenzioni” del Medioevo?
Sono domande opportune e naturali per chi viene a Orvieto per visitare il Pozzo di San Patrizio, pendant turistico del Duomo e meraviglia tra le meraviglie della città. Ma anche per chi è cittadino di Orvieto e, inconfessabilmente, vive con questa curiosità non del tutto soddisfatta.
 E’ a tutti loro, quindi a tutti noi, non solo agli specialisti o agli “addetti ai lavori”, che è rivolto e dedicato l’incontro di studio che si terrà sabato 17 marzo prossimo – festa di San Patrizio – a Palazzo Soliano presso la prestigiosa sala del Museo Emilio Greco nel MODO”.

E’ un’occasione particolare nella quale è stato chiesto a grandi studiosi, ma anche grandi divulgatori, come Agostino Paravicini Bagliani e Franco Cardini di aiutare il pubblico ad entrare nella “grande storia”. Così come a Giovanni Paolo Maggioni, Paolo Taviani e Roberto Tinti autori del libro Il Purgatorio di San Patrizio – in uscita proprio per la festa del santo per le edizioni SISMEL, il compito di guidare i contemporanei, come moderni pellegrini, dalle oscure profondità del Medioevo alla consapevolezza dell’identità più attuale.
Dopo l’incontro, il programma della giornata prevede tre diversi momenti di spettacolo originali e suggestivi.

Alle ore 18.00 all’interno del Pozzo di San Patrizio il concerto d’arpa celtica di Vincenzo Zitello.
Per motivi di sicurezza l’accesso sarà consentito soltanto ai primi 100 appassionati che acquisteranno il biglietto. Per tutti gli altri, il concerto sarà godibile in streaming (prossimamente saranno comunicati gli indirizzi).

A seguire, lo spettacolo del Global Greening che accenderà di verde il pozzo orvietano in onore del santo patrono d’Irlanda e in collegamento con centinaia di città in tutto il mondo.

Alle 21.00, per la prima volta a Orvieto nel Teatro Mancinelli, la sorpresa di una “Notte irlandese” con Gens d’Ys di Umberto Crespi e la speciale partecipazione dell’arpa di Vincenzo Zitello.

Prima dello spettacolo, nel foyer del teatro il brindisi festoso e le eccellenze dei produttori di Terre d’Orvieto saranno offerte – a chilometro e a costo zero – al pubblico di questo evento davvero unico.

Il programma della Festa di San Patrizio è promosso dal Comune di Orvieto / Assessorato alla Cultura, con il patrocinio dell’Ambasciata d’Irlanda in Italia, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria, la partecipazione dell’Associazione FotoAmaOrvieto e delle Guide Regionali dell’Umbria, e la collaborazione dell’Associazione “Orvieto per tutti”, dell’Associazione TEMA e di Sistema Museo.

 


 

– Disciplina della sosta in Piazza Mazzini e Piazza Cahen / area retrostante la biglietteria del Pozzo di San Patrizio –

Il Settore Vigilanza ha disposto dalle ore 14:00 alle 24:00 il divieto assoluto di sosta con rimozione dei veicoli in: Piazza Mazzini ed in Piazza Cahen, nell’area retrostante la biglietteria del Pozzo di San Patrizio, per consentire lo stazionamento dei mezzi di servizio e dell’organizzazione, con particolare riferimento al carico e scarico delle strumentazioni (tali veicoli dovranno esporre in maniera ben visibile la relativa autorizzazione).  Il Comando della Polizia Locale adotterà i provvedimenti necessari a garantire il normale flusso della circolazione.
 – Disciplina di somministrazione e vendita bevande in lattine e/o bottiglie di vetro –

In previsione di un notevole afflusso di pubblico, in prevalenza giovanile, e al fine di tutelare la pubblica incolumità in occasione della manifestazione “St. Patrick’s day” che si terrà sabato 17 marzo ad Orvieto con eventi culturali e musicali che si svolgeranno al Palazzo Soliano, al Pozzo di San Patrizio e al Teatro Mancinelli; con apposita ordinanza contingibile e urgente viene disposto dalle ore 18:00 alle ore 24:00 dello stesso giorno, il divieto di vendita per asporto di bevande in bottiglie di vetro o lattine metalliche presso il “Bar Tennis” situato nei pressi del Pozzo di San Patrizio.

In deroga, è consentita la vendita di prodotti enologici non finalizzata al consumo immediato degli stessi, a condizione che le bottiglie siano cedute al cliente imballate in contenitori di cartone od altri materiali atti a limitare il pericolo di rottura accidentale ed impedire la dispersione di frammenti di vetro.

Il provvedimento scaturisce da ragioni di tutela della pubblica incolumità, al fine di evitare l’abbandono sul suolo pubblico di bottiglie di vetro e lattine metalliche, con il conseguente pericolo di spargimento di frammenti di vetro derivanti dalla loro rottura e per evitare l’insorgere di fenomeni di degrado del decoro urbano.

17 marzo 2018

Informazioni sull'autore

redazione2


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy