Unesco, Ivrea e Adriano Olivetti patrimonio dell’umanità. Barbabella: “La cosa ci riguarda”
Archivio notizie, Corsivi

Unesco, Ivrea e Adriano Olivetti patrimonio dell’umanità. Barbabella: “La cosa ci riguarda”

 

di Franco Raimondo Barbabella

Il Whc (World Heritage Committee) dell’Unesco ha proclamato Ivrea e Adriano Olivetti patrimonio dell’umanità. Si tratta di un orgoglio italiano, che oggi diventa riconoscimento universale di una delle esperienze più innovative e cariche di futuro realizzate nel secondo dopoguerra per la ricostruzione del nostro Paese e assurta con il tempo ad esempio di come lo sviluppo possa conciliarsi con l’umano diritto al benessere.

Voglio manifestare quella sensazione di felicità che ci prende quando senti che quella che arriva è una bella notizia. La manifesto per me e per gli amici che poco più di due anni fa diedero luogo alla fondazione di CoM (Comunità in Movimento) con riferimento al pensiero e all’azione proprio di Adriano Olivetti.

Questo l’inizio del comunicato con cui ne annunciavamo la nascita nel settembre 2015: “È nato il movimento politico che vuole interpretare con visione aperta l’orgoglio e i bisogni di crescita del territorio orvietano. Si chiama “Comunità in Movimento”, un nome che indica nel contempo appartenenza, partecipazione solidale, futuro da costruire insieme. Un nome che ricorda “Movimento Comunità” fondato da Adriano Olivetti, l’imprenditore piemontese che contestava il centralismo statalista in nome di un federalismo radicato nelle realtà locali.”

Ecco, i buoni semi germogliano sempre. Noi speriamo che nel nostro Paese si riprenda a sperare e a lavorare con quello stesso spirito che negli anni del dopoguerra ispirò quella mente geniale di imprenditore e insieme di uomo di cultura e di innovatore poliitco, in cui si conciliavano cristianesimo e socialismo, industria e armonia sociale, benessere individuale e progresso collettivo, tecnologia e umanesimo, innovazione e bellezza. Un sogno interrotto da una morte prematura. Ma anche un sogno vivo, che può essere ripreso aggiornandolo nel contesto contemporaneo.

Per quanto ci riguarda il riconoscimento da parte dell’Unesco del valore universale dell’opera di Adriano Olivetti rappresenta un incoraggiamento a sviluppare l’intuizione che ispirò la nascita di CoM. Orvieto ha valore universale. Orvieto e il territorio orvietano possono aspirare a diventare quel modo di essere comunità che era nel sogno di Adriano Olivetti. Si tratta di crederci e di lavorarci perché diventi una meta possibile. Se si può, si deve!

3 luglio 2018

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy