Al via la Summer School della Vetrya Academy dal 3 al 7 settembre presso il Vetrya Corporate Campus

 

Vetrya promuove una Summer School per giovani neolaureati, con l’obiettivo di offrire ai futuri professionisti del digitale, selezionati in base a criteri di merito, l’opportunità di prepararsi a raccogliere la sfida dell’innovazione, all’interno di una delle realtà più dinamiche e promettenti nel panorama delle imprese italiane.
La Summer School, che si terrà dal 3 al 7 settembre 2018 presso il Corporate Campus di Vetrya ad Orvieto, si articolerà in cinque giornate, nelle quali si alterneranno lezioni in aula tenute da docenti qualificati, sessioni di laboratorio in modalità learning by doing all’interno degli ambienti di lavoro di Vetrya, incontri con leaders dell’innovazione italiana e internazionale, visite guidate di Orvieto e del territorio circostante.
La Summer School inaugura le iniziative della neonata Vetrya Academy, la scuola di innovazione del gruppo Vetrya, che si propone di sviluppare percorsi di formazione e progetti di ricerca offrendo sessioni di aggiornamento, specializzazione e progettazione, formando professionisti in grado di rispondere adeguatamente alle esigenze del mondo del lavoro nell’era dell’Industria 4.0.
Vetrya Academy –
ha commentato Luca Tomassini, fondatore e presidente di Vetrya – vuole contribuire all’evoluzione del sistema economico e imprenditoriale del gruppo, partendo da un monitoraggio dei fabbisogni formativi e di sviluppo del mercato per programmare interventi formativi di qualità, che preparino i migliori talenti all’inserimento professionale”.
“Il progetto Academy – ha dichiarato Katia Sagrafena, direttore generale di Vetrya – rappresenta l’anello di congiunzione tra il gruppo Vetrya e il sociale, attraverso il quale ideare e realizzare ricerche sull’impatto dell’innovazione digitale e interventi di innovazione sociale, in modo da favorire un dialogo di sistema tra tutti i soggetti interessati: scuole, università, aziende, pubblica amministrazione, enti ed istituti pubblici e privati”.

 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login