Mille Miglia 2018, la corsa più bella passa anche per Orvieto. Tante novità nella 36esima eizione
Archivio notizie, Territorio, Terza pagina

Mille Miglia 2018, la corsa più bella passa anche per Orvieto. Tante novità nella 36esima eizione

 

È stata presentata lunedì 5 marzo a Ginevra in occasione del Salone dell’Auto la “1000 Miglia 2018”, trentaseiesima rievocazione della corsa di velocità€ disputata tra il 1927 e il 1957, che giovedì 17 maggio toccherà anche Orvieto. Prima, grande novità€: le auto in gara partiranno da Brescia mercolediÌ 16 maggio e faranno ritorno nella citta€ della Leonessa nel pomeriggio di sabato 19 maggio.
Con l’intento di far vivere a Brescia, la CittaÌ della 1000 Miglia, un’intera settimana dedicata alla Freccia Rossa e agli eventi collegati, tutto sarà anticipato di un giorno rispetto alla tradizione, per regalare alla città una Notte Bianca in contemporanea allo spettacolo dell’arrivo della corsa.

Quattro le tappe (da Brescia a Cervia-Milano Marittima, da Cervia-Milano Marittima a Roma, da Roma a Parma e da Parma a Brescia) che si susseguiranno lungo gli oltre 1.700 chilometri di strade italiane dalla suggestiva bellezza paesaggistica e artistica, con il coinvolgimento di 450 vetture d’epoca di straordinario valore storico, tecnico e sportivo, appartenenti a ben 72 diverse Case costruttrici.

Per il quinto anno consecutivo saranno presenti 10 vetture appartenenti alla categoria Militare, condotte da rappresentanti delle Forze Armate. La corsa simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo, capace di coniugare tradizione e innovazione, sportività ed eleganza, internazionalità€ e stile di vita italiano, vivrà anche quest’anno il prologo di due eventi collaterali riservati a 130 vetture moderne: il Ferrari Tribute to 1000 Miglia e il Mercedes Benz 1000 Miglia Challenge.

La 1000 Miglia è sempre più internazionale. I 725 equipaggi iscritti alla gara provengono da 44 Paesi distribuiti in tutti i 5 continenti; le iscrizioni provenienti dall’Italia rappresentano il 28% del numero totale. Sono 208 su 1.450 gli iscritti dei quali non è possibile, al momento, determinare la nazionalità di appartenenza: in alcuni casi, si tratta degli equipaggi delle automobili iscritte dalle Casa automobilistiche, che attendono fino all’ultimo per rendere noti i nomi degli occupanti; in altri casi, per motivi di sicurezza o riservatezza, i nomi resteranno coperti da una “X” anche durante la gara. Gli esemplari che hanno preso parte ad almeno una delle ventiquattro edizioni della 1000 Miglia di velocità disputata dal 1927 al 1957 sono 99. Gli equipaggi in lista d’attesa, pronti a sostituire eventuali defezioni, sono 121. L’eventuale sostituzione di una vettura avverra con un modello il più simile possibile.

Sono 44 i Paesi di provenienza delle richieste di partecipazione mentre gli equipaggi accettati provengono da 36 Nazioni di tutto il mondo. Il Paese più€ rappresentato continua ad essere l’Italia con 405 domande di partecipazione e 254 equipaggi accettati, 28% del totale. L’Olanda si conferma al secondo posto, con 199 domande e 127 accettati, seguita da Germania (147 domande, 74 accettati) e Regno Unito (109 domande, 62 accettati). Crescono ancora le partecipazioni del Belgio (85 richieste, 54 accettati), degli Stati Uniti d’America (71 richieste, 51 accettati) e degli appassionati Giapponesi (29 richieste, 26 accettati). Il numero di Paesi e le percentuali indicate potrebbero cambiare quando saranno resi noti i nomi – e le nazionalità – delle persone al momento identificate da una “X” nell’elenco iscritti. La casa automobilistica più rappresentata è Alfa Romeo con 47 vetture, a seguire Fiat con 42, Jaguar con 34 e Mercedes-Benz con 33.

I partner. Creatività€, pragmatismo, eccellenza, unicità, fascino, tradizione. Sono i valori positivi che caratterizzano la 1000 Miglia. Associare il nome del proprio brand alla Freccia Rossa rappresenta un’opportunità€ esclusiva, una testimonianza di impegno a rilanciare nel mondo la competitività€ e l’immagine dell’Italia.

Il percorso. Da Brescia a Roma e ritorno in quattro giorni, 1743 chilometri, 112 prove cronometrate e 6 prove di media oraria.

Prima tappa da Brescia a Cervia-Milano Marittima, mercoledì€ 16 maggio con il via della prima auto alle 14:30 dalla pedana di Viale Venezia prenderà il via la 1000 Miglia 2018, destinazione Cervia – Milano Marittima. Lungo il percorso le vetture attraverseranno Desenzano e Sirmione del Garda, entreranno nel Parco Giardino Sigurtà e, passando per Mantova e Ferrara, raggiungeranno Comacchio per dirigersi a Ravenna e terminare la prima giornata di gara a Cervia-Milano Marittima

Seconda tappa da Cervia-Milano Marittima a Roma, giovedì 17 maggio al via di prima mattina verso Roma, le auto della 1000 Miglia incontreranno Pesaro, la Repubblica di San Marino, San Sepolcro e Arezzo, dove è€ prevista la breve sosta per il pranzo; ripartenza verso Cortona, Orvieto e Amelia per giungere a Roma concludendo la tappa in parata lungo via Veneto, prima di raggiungere gli hotel.

Terza tappa da Roma a Parma, venerdì 18 maggio. Partenza alle prime luci dell’alba per la terza, lunga tappa di risalita dalla Capitale: tutto d’un fiato da Ronciglione, Lago di Vico, Viterbo, Radicofani e Siena fino a Monteriggioni per la sosta pranzo. Il viaggio di ritorno riprenderà verso San Miniato e le mura di Lucca e, risalendo verso Pietrasanta, toccherà la Liguria a Sarzana, attraversando il Passo della Cisa, e giungere a Parma, città sede dell’ultima notte di gara.

Quarta tappa da Parma a Brescia, sabato 19 maggio. La tappa più€ breve regalerà due tra le numerose novità del percorso della 1000 Miglia 2018: attraverso Salsomaggiore Terme, Piacenza e Lodi, le auto in gara faranno rotta su Milano, attraversando il cuore della metropoli lombarda: il controllo timbro previsto in Piazza Duomo regalerà€ per la prima volta uno scenario unico a tutti i partecipanti alla corsa.
Da Milano in direzione Arese, gli equipaggi proseguiranno per il passaggio nel rinnovato Museo Storico Alfa Romeo, per fare il loro ingresso all’Autodromo di Monza per l’ultimo pranzo sul percorso di gara. Il tratto finale della corsa vedrà i passaggi da Bergamo, Chiari e Ospitaletto prima di tagliare il traguardo, nel primo pomeriggio, sulla pedana di Viale Venezia. Meritato arrivo dopo 1743 chilometri in quattro giorni attraverso l’Italia più€ bella.

Dichiarazioni degli organizzatori.

PIERGIORGIO VITTORINI – Presidente dell’Automobile Club di Brescia
«Per la 1000 Miglia quest’anno si apre un importante decennio, che la condurrà al traguardo dei 100 anni. La Freccia Rossa dovrà ulteriormente incrementare il proprio inossidabile fascino, valicando i confini dell’evento d’eccezione che dura pochi giorni, riuscendo a coinvolgere il proprio pubblico per cinquantadue settimane all’anno. Grazie a 1000 Miglia Srl, la società interamente partecipata da ACI Brescia che organizza la corsa, la Freccia Rossa apparirà€ anche in due altri eventi: 1000 Miglia Green, riservata a vetture a propulsione elettrica, e Coppa delle Alpi by 1000 Miglia, che contribuirà al processo di internazionalizzazione della Freccia Rossa, attraversando – nel periodo invernale – i quattro Paesi sui due fronti dell’arco alpino.1000 Miglia Srl e l’Automobile Club di Brescia non saranno soli: grazie a recenti accordi, la potremo contare sul sostegno delle più importanti realtà automobilistiche italiane, quali ACI Sport e l’Automobile Club Storico Italiano, oltre – a livello internazionale – FIA e FIVA».

ALDO BONOMI – Presidente 1000 Miglia srl
«Presentiamo oggi la 1000 Miglia 2018, trentaseiesima rievocazione della corsa di velocità disputata tra il 1927 e il 1957. La corsa simbolo di eccellenza italiana nel mondo che coniuga tradizione e innovazione, sportività€ ed eleganza, internazionalità e stile di vita italiano, si svolgerà€ dal 16 al 19 maggio prossimi. Quest’anno la gara è anticipata di un giorno rispetto alla tradizione per dare alla città di Brescia un indimenticabile spettacolo di arrivo della corsa in concomitanza con la Notte Bianca. Sono 44 i paesi di provenienza delle richieste di partecipazione, mentre gli equipaggi accettati provengono da 36 Nazioni e le richieste sono in continua crescita, a dimostrazione che la 1000 Miglia è un evento sempre più€ sentito, anche a livello internazionale. Il pubblico degli appassionati la aspetta sempre con grande entusiasmo e partecipazione».

FRANCO GUSSALLI BERETTA – Vicepresidente 1000 Miglia srl
«La nostra 1000 Miglia deve mantenere il core business, cioè oggi la gara che parte e torna a Brescia attraverso mille miglia di paesaggi e borghi italiani meravigliosi, ai massimi livelli delle competizioni e dell’entertainment di oggi, che ha comunque standard diversi rispetto già a solo 15 anni fa. Ma ciò non è più sufficiente, il mondo è diventato globale: oggi anche la gara stessa deve essere sempre più vicina ai nuovi mondi».

GIUSEPPE CHERUBINI – Vicepresidente del Comitato Operativo della 1000 Miglia 2018.
«1000 Miglia è un viaggio unico ed affascinante alla scoperta delle bellezze paesaggistiche, culturali e architettoniche del nostro paese, un’esperienza indimenticabile per chi la fa e per chi la guarda. Molte sono le novità del percorso di quest’anno sulla tradizionale tratta Brescia-Roma-Brescia che vedrà come città di tappa Cervia-Milano Marittima, Roma, Parma: torneremo sul Passo della Cisa, era successo solo una volta nel 19 49; andremo a Milano, dove per la prima volta, in piazza Duomo, avrà luogo il controllo timbro; infine gli equipaggi passeranno per il rinnovato Museo Storico Alfa Romeo, per fare il loro ingresso all’Autodromo di Monza per l’ultimo pranzo sul percorso di gara».

 

11 marzo 2018

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy