Associazione Cdp Orvieto: “Orvieto ha ancora gli anticorpi per tenere lontano la peste nera”

Categoria: Archivio notizie,Politica,Secondarie

da Associazione Centro di Documentazione Popolare di Orvieto (C.D.P)

L’Associazione Centro di Documentazione Popolare di Orvieto (C.D.P) invita la popolazione a visitare la Mostra Fotografica “Testa per Dente. Crimini Fascisti in Jugoslavia 1941 / 1945”, allestita al Palazzo dei Sette dal 7 al 11 febbraio, con il patrocinio del Comune di Orvieto. La mostra, nella ricorrenza del Giorno del Ricordo (Legge n.92 del 2004), è un contributo all’approfondimento storico sulle “…più complesse vicende del confine orientale…” dall’occupazione nazi-fascista della ex Jugoslavia agli eventi immediatamente successivi alla fine della guerra.

Il C.D.P. organizza anche il Presidio Antifascista di sabato 10 febbraio presso la Torre del Moro dalle 16:30 alle 20. E’ la nostra risposta all’inaugurazione,  in Piazza XXIX Marzo, luogo simbolo per la città delle atrocità commesse dai fascisti orvietani nel 1944 ai danni di civili inermi, della sede di una formazione politica dichiaratamente neofascista, legata a livello internazionale ad altri gruppi neonazisti.

La provocazione dell’atto, colta anche dalle istituzioni locali e dalle altre realtà cittadine e del comprensorio che si riconoscono e si confrontano sul terreno dell’antifascismo, base della Costituzione Italiana, è evidente.

La matrice fascista della formazione politica in questione, ispirata da “camerati esperti”, è declinata in tante parti d’Italia sotto forma di azioni violente, aggressioni e atti prevaricatori verso i più deboli, ma anche nelle manifestazioni di piazza, nelle curve degli stadi o nelle celebrazioni stile ventennio. Qui ad Orvieto i neofascisti hanno agito fino ad oggi sotto le mentite spoglie di “passeggiate della sicurezza” e di “spesa a domicilio”, limitando ad azioni saltuarie gli atteggiamenti minacciosi di gruppo.

Attività buoniste e demagogiche dietro le quali è palese una strategia subdola di infiltrazione nel tessuto socio-economico locale, per presentarsi oggi alle elezioni politiche e domani a quelle amministrative. Sapremo sempre riconoscere e respingeremo ancora quel ghigno da “vigliacchi”, proprio di coloro che sanno essere forti soltanto con i deboli e servili con i potenti.

Pensiamo che il territorio di Orvieto possegga ancora gli anticorpi per tenere lontano la “peste nera” e che abbia in sé le forze, le energie e le intellettualità per costruire un presente e un futuro di progresso civile, fatto di emancipazione e diritti a beneficio di tutti/e e di ciascuno.

È per questo che rivolgiamo ai nostri concittadini l’appello ad essere presenti al Presidio Antifascista di Sabato 10 Febbraio presso la Torre del Moro dalle 16:30 alle 20:00. E’ il primo appuntamento, concreto e diretto, per dire NO ALL’APERTURA DELLA SEDE DEI NEOFASCISTI ad Orvieto.


Devi essere registrato per inserire i commenti Login