Polisportiva Vigor Acquapendente chiude in pareggio con ASD Grifone Gialloverde

Categoria: Archivio notizie,Sport

ACQUAPENDENTE – Polisportiva Vigor Acquapendente – ASD Grifone Gialloverde 2-2
(PRIMO TEMPO 0 – 2)
POLISPORTIVA VIGOR ACQUAPENDENTE: Poppi, Cecconi, Delle Monache, Picchiotti, Colonelli, Scigliano (34° st Burla), Fanelli (48° st Ranucci), Broccatelli, Femia, Romondini, Zammarchi
A DISPOSIZIONE: Pasquini, Ronca, Coccetti, Zucca Belardi
ALLENATORE: Centaro

ASD GRIFONE GIALLOVERDE: Pensa, Di Pietro (34° st Pillot), Costalunga (42° st Abbruzzetti), Starace, Secci (27° st Mangione), Moscetta, Dei Rossi (11° st Mancini), Monaco, Menestò, Manganelli, Miano (38° st Cornetta)
A DISPOSIZIONE: Pollini, Manoni
ALLENATORE: Berruti

ARBITRO: Domenico Ballardi di Bari, assistente 1 Andrea Gookoluk Vickraj di Civitavecchia, assistente 2 Mirko Librale di Roma 2

MARCATORI: 7° pt Monaco (GG), 30° pt Menestò (GG), 11° st Fanelli (PVA), 24° Picchiotti (PVA)

NOTE: Ammoniti 23° pt Costalunga (GG), 38° pt Zammarchi (PVA), 10° st Starace (GG), 18° st Moscetta (GG)

Cuore, intelligenza ed un secondo tempo di qualità, gli ingredienti con cui la Vigor dà piccola ma evidente continuità alla striscia positiva di risultati. Sotto la pioggia primo tempo shock per i viterbesi. Due tiri in porta e due goal per i capitolini, il trio Broccatelli-Romondini-Zammarchi che si impegna ma non inquadra la porta, un assistente 1 di linea Andrea Gookoluk Vickraj più di una volta criticato su sbandieramenti fuorigioco. Turbo Fanelli suona la carica ed il Grifone Gialloverde perde per mezz’ora della ripresa la bussola. Fanelli e Picchiotti pareggiano, Zammarchi sbaglia un rigore, Romondini da due passi spara alto. Ma soprattutto, un espressione gioco che avrebbe meritato il concetto di vittoria Il tiro poco velleitario di Mangione l’unico spunto per i ragazzi di Berruti.

IL DOPOPARTITA
Un punto che fa rima con il concetto di rimanere ancora sufficientemente distanti dalla zona play-out. Anche se il vantaggio sulla quint’ultima diminuisce di una unità (da +5 a ¬+4), le sensazioni che lascia la Vigor al triplice fischio finale sono quelle di una squadra che ha intrinseco nel proprio DNA risorse infinite per superare ogni ostacolo. “Il Grifone Gialloverde”, sottolinea il Tecnico Enrico Centaro, “si è fatto pericoloso in zona goal solo due volte. Ed ha finalizzato al massimo quanto creato. A parte questo, devo comunque constatare che abbiamo disputato un primo tempo opaco, al di sotto delle nostre reali potenzialità. Musica diversa nel secondo tempo. Abbiamo reagito alla stragrande, riuscito nel giro di ventiquattro minuti a recuperare il risultato, sbagliato un calcio di rigore, messo nelle condizioni Romondini di avere la chance giusta per conquistare l’intera posta in palio. Peccato non aver sfruttato occasioni così ghiotte per ritornare a conquistare tre punti che avrebbero accentuato ulteriormente un percorso positivo di autostima e consapevolezza di aver cromosomi giusti per poter lottare alla pari con tutti”. Vigor nuovamente in campo Domenica 19 Novembre alle ore 11.00. Avversario di turno allo Stadio “Darra Emilio” di Maccarese una ASD Nuovo calcio 1934 che dopo la sconfitta per 4-0 sul terreno di gioco dell’ASD Montefiascone è sempre più desolatamente all’ultimo posto in classifica.

 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login