Tutti a scuola, mercoledì si ritorna sui banchi con qualche novità

Categoria: Archivio notizie,Secondarie,Territorio

 

 

ORVIETO – Settembre oltre a segnare la fine dell’estate è notoriamente il mese della scuola. E, a Orvieto e comprensorio, mercoledì suonerà la campanella per oltre 3500 studenti tra asilo, medie e superiori. E soprattutto per queste ultime, diverse le novità in arrivo.
A cominciare dal liceo Scientifico E.Majorana che, forte come sempre del boom di iscrizioni (731), vedrà in cattedra un nuovo preside, la professoressa Fabiana Alfieri. Ma anche per gli studenti del liceo Classico (161 le matricole) il nuovo anno scolastico porterà un giorno di scuola in meno, il sabato, compensato però da un rientro pomeridiano. Così come per l’istituto Professionale che ha scelto di organizzare le lezioni settimanali su cinque giorni anziché sei. Rimangono infine invariati gli orari scolastici delle altre scuole ad eccezione della Primaria di Orvieto scalo dove le classi a tempo normale effettueranno la settimana corta. Per quanto riguarda mense e trasporto scolastico, le tariffe rimangono le stesse ma, grazie all’acquisto di un nuovo scuolabus, verranno servite anche le frazioni di Titignano, Prodo e Corbara.
E, finalmente, anche sul fronte della sicurezza qualcosa si muove. E’ di 166.942 euro lo stanziamento economico per l’istituto Professionale di Orvieto che servirà per i lavori di sistemazione dell’edificio le cui condizioni sono notevolmente peggiorate specie dopo il boom di iscrizioni all’indirizzo Alberghiero (348). Ancora irrisolta, invece, la situazione per la sede del liceo Artistico. I 244 nuovi studenti, insieme agli altri, si troveranno a fare lezione ancora nell’ex palazzina comando della Caserma Piave. Una soluzione che da temporanea pare sia diventata definitiva dal momento che i lavori nella storica sede di palazzo Monaldeschi della Cervara, sembrerebbero destinati a non partire a causa delle criticità di natura economica legate all’attuale situazione finanziaria dei vari soggetti. Ovvero, curia vescovile (organo amministratore del palazzo) e la Provincia di Terni. Relativamente invece agli asili nido, come spiegato dall’assessore Floriano Custolino «sono in corso i lavori di ampliamento della scuola di Sferracavallo per la realizzazione della mensa e la relativa impiantistica di servizio, funzionali già per il nuovo anno scolastico a partire dai primi mesi del 2018». Solo lavori di manutenzione, invece, quelli effettuati alla Barzini di Orvieto centro mentre nel plesso della scuola media Ippolito Scalza di Ciconia sono terminati i lavori di miglioramento sismico dell’intero complesso «dove – aggiunge Custolino – resta da completare la parte occupata dalla segreteria che, al termine dei lavori di rifunzionalizzazione ed efficientamento energetico, verrà trasferita nel nuovo blocco finito». (Sa.Simo)

 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login