L’opposizione: “con la privatizzazione dei servizi, la Giunta Germani apre le porte al lavoro a basso costo”

Categoria: Archivio notizie,Politica,Secondarie

La linea politica della Giunta Germani ormai è chiara: privatizzare i servizi senza se e senza ma. In tutti i settori c’è una corsa sfrenata a concedere a strutture private la gestione dei servizi anche quelli che potrebbero essere gestiti dall’Ente Pubblico con realtà di propria emanazione o con dipendenti comunali già presenti in organico.
Molti possono essere gli esempi: dai bandi aperti per il Teatro e la Scuola di Musica, all’esternalizzazione della gestione dei tributi minori (tristemente ricordata come la “tassa sul morto” che ha portato la città sulle reti nazionali), fino ad arrivare alla prossima totale privatizzazione dei servizi dei parcheggi. Non siamo certo contrari, quando ciò produce efficienza e risparmio, all’intervento dei privati.
Ma siamo fortemente contrari, in questo ultimo caso, alla privatizzazione h24 della gestione di biglietteria del parcheggio di Foro Boario, oggi gestita utilizzando personale del Comune, perché la scelta non produrrà alcun miglioramento del servizio tantomeno una diminuzione di costi ma servirà esclusivamente a piazzare in ufficio coloro che oggi si occupano del servizio.
C’è un dato ancora più grave e preoccupante che merita di essere segnalato: come sta avvenendo in relazione al bando per la gestione di alcuni altri servizi all’interno dei parcheggi coperti (vigilanza e biglietteria), sembrerebbe che i concessionari propongano ai lavoratori tariffe orarie “da fame”. Ciò avviene con queste modalità: i bandi vengono vinti con forti ribassi e le strutture private che si aggiudicano la gestione del servizio scontano gli importi dei ribassi sui lavoratori. Se confermato, sarebbe gravissimo.
La Giunta Germani decide infatti di appaltare un servizio con un bando aperto, la gara viene vinta con fortissimi ribassi che – ovviamente – avvantaggiano il Comune e soddisfano la struttura privata ma mettono il lavoratore nelle condizioni di dover decidere se accettare compensi irrisori – e, quindi, essere sottopagato – oppure perdere il posto di lavoro. Un fatto, questo, umiliante che vede il Sindaco ed i suoi Assessori come principali attori di questa gravissima situazione. Fare cassa sulla pelle dei lavoratori non è mai accettabile; se poi tutto questo viene messo in atto da un’Amministrazione pubblica la questione diventa ancor più inaccettabile; Privatizzare anche quando non è necessario oltretutto sfruttando il lavoro e le sue tutele è l’ultima sorpresa che la Giunta Germani, unitamente a tutta la maggioranza, ci riserva.

GRUPPI CONSILIARI IDENTITA’ E TERRITORIO – FORZA ITALIA – GRUPPO MISTO

 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login