La Zambelli Orvieto gioca di squadra e si afferma a Firenze

Categoria: Archivio notizie,Sport

 

IL BISONTE FIRENZE – ZAMBELLI ORVIETO = 0-3 (0-5)

(24-26, 24-26, 12-25) (25-27, 8-15)

FIRENZE: Dos Reis , Pietrelli , Mezzedimi , Tapp , Alberti , Bechis , Romanelli (L), Bonciani , Bassilichi, De Stefano, Mezzedimi, Marocchini. All. Marco Bracci.

ORVIETO: Aricò , Grigolo , Montani , Mio Bertolo , Santini , Valpiani , Rocchi (L1), Ginanneschi , Ciarrocchi. N.E. – Muzi, Zonta, Venturi (L2). All. Matteo Solforati.

IL BISONTE (b.s. , v. , muri , errori ).

ZAMBELLI (b.s. , v. , muri , errori ).

FIRENZE – Una partita davvero ricca di spunti quella disputata dalla Zambelli Orvieto che, a poco più di una settimana dall’inizio del campionato di serie A2 femminile, ha visitato uno dei top team italiani. Il risultato è stato positivo contro il collettivo targato Il Bisonte Firenze ma la formazione che milita nella categoria superiore ha venduto cara la propria pelle contrastando con forza l’entusiasmo della formazione rupestre.
C’è ovviamente da ricordare le tante assenze registrate dalle padrone di casa che sono scese in campo con un organico rimaneggiato a causa degli impegni di ben sei atlete con le proprie nazionali.

In terra toscana le tigri gialloverdi hanno comunque pensato più che altro a trovare il loro miglior gioco, cercando di mettere in pratica ciò che avevano provato in allenamento, con particolare attenzione alla fase cambio-palla.
Al Mandela Forum i tecnici Bracci e Solforati hanno concordato di giocare cinque set, di cui tre giocati con punteggio speciale, con due punti assegnati ad ogni rotazione, e due con punteggio tradizionale. Questo il commento del tecnico Matteo Solforati: «È stata un’uscita interessante anche se le avversarie non erano al completo, Firenze è pur sempre una squadra della serie A1 ed ha una panchina di assoluto livello. Siamo partiti contratti commettendo molti errori ma poi siamo riusciti a trovare fluidità necessaria. La prova di squadra è stata soddisfacente, ognuna è cosciente di dover mettere il suo mattoncino per aiutare le compagne.

Non abbiamo stelle nell’organico e quindi c’è bisogno dell’apporto di tutte per ottenere risultati positivi. Ancora dobbiamo migliorare nei fondamentali di muro e difesa, che ricoprono una grande importanza, ma devo anche dire che sono gli aspetti in cui abbiamo lavorato meno. Sottolineo la solita buona prova della panchina, un altro dato confortante perché con tante partite e ravvicinate nel prossimo campionato servirà il contributo di tutte. Battuta e ricezione hanno offerto prestazioni confortanti, la cosa che mi è piaciuta di più è che abbiamo fatto pochi errori in attacco, è una richiesta che ho fatto alle ragazze e la risposta è arrivata puntuale». La Zambelli ha schierato inizialmente le pedine utilizzate nelle scorse verifiche, per i primi due parziali hanno giocato le sette giocatrici titolari, Ciarrocchi e Venturi sono entrate nel terzo, mentre Ginanneschi, Muzi e Zonta hanno dato il loro contributo nel quarto. (Alberto Aglietti)


Devi essere registrato per inserire i commenti Login