Il sindaco Germani anticipa l’agenda amministrativa del “dopo-estate”

Categoria: Archivio notizie,Politica,Secondarie

ORVIETO – In occasione della Festa della Madonna Assunta, Patrona del Comune, il sindaco rinnova la consuetudine degli auguri di Buon Ferragosto a tutti i concittadini da parte dell’Amministrazione Comunale e, nella mattina di giovedì 10 agosto presso il Palazzo Comunale, ha anticipato alla stampa gli impegni che scandiranno l’attività politico-amministrativa alla ripresa subito dopo la pausa estiva.

Quella degli auguri è una familiarità che ci piace ripetere – ha affermato il sindaco, Giuseppe Germani proprio perché la Festa della Madonna di Mezz’Agosto è una delle ricorrenze più sentite dagli orvietani ed è anche l’occasione per fare il punto sul lavoro fatto e quello che c’è da fare a partire dalle prossime settimane”. In questi stessi giorni, appena un anno fa, non era stata accolta la proposta di rimodulazione del piano di riequilibrio pluriennale avanzata dal Comune al fine di superare la situazione di predissesto economico – ha aggiunto – cosa che è invece avvenuta alla fine del 2016 ponendo le basi per una spinta importante alla programmazione generale messa in campo dall’Amministrazione Comunale.

Parto da questo dato fondamentale, per ripercorrere i primi sette mesi di questo intenso anno di attività amministrativa da cui emerge un bilancio comunale consolidato dopo quindici anni di incertezze e una decisa attività su vari fronti, con risultati concreti. Innanzitutto, la programmazione di ‘Area Interna’ di cui, dopo l’approvazione della strategia generale, siamo ora in procinto di sottoscrivere l’Accordo di Programma Quadro con il Ministero dell’Economia e la Regione Umbria per poi sottoporre il documento finale, le schede di progetto e di bando all’approvazione del Consiglio Comunale. Proprio in questi giorni il Comune è risultato assegnatario per il triennio 2017-2019 del finanziamento per l’importo complessivo di € 211.172,78 relativo alla ‘Misura 16 Cooperazione’ – Intervento 16.4.2 ‘Attività promozionali a raggio locale connesse allo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali’”.

Gli ultimi atti approvati dal Consiglio Comunale alla fine di luglio – ha proseguito – dimostrano un forte impegno nella direzione della tutela del territorio e del paesaggio pur nell’ottica dello sviluppo sostenibile. Il riferimento è all’adozione della variante parziale al PRG Strutturale e Operativo per la riqualificazione dell’abitato in località ‘La Svolta’, al Protocollo d’Intesa per il riconoscimento MAB Unesco al ‘Progetto Monte Peglia per l’UNESCO’ di altissima importanza per la tutela del paesaggio del nostro territorio quale riserva mondiale della biodiversità, ma anche al lavoro istruito per la definizione del Parco Culturale dell’Alfina che prevede vari step di approfondimento normativo e di confronto partecipativo.

Anche la questione dell’assetto ambientale post alluvione, ha avuto le concrete attuazioni con la conclusione del primo stralcio dei lavori di messa in sicurezza e tutela dell’alveo e dei territori che costituiscono il bacino del Fiume Paglia attuati dal Consorzio Val di Chiana, inoltre è entrato nella fase di progettazione operativa il Contratto di Fiume per il Paglia, che vede impegnate le tre regioni e circa 10 Comuni fra Umbria, Lazio e Toscana, in uno sforzo complessivo che oltre la messa in sicurezza dell’intera asta del bacino del Paglia, programma la sua valorizzazione.

Temi ai quali si aggiunge l’ultimazione del 1° stralcio della Complanare – i lavori di finitura sono stati consegnati proprio in questi giorni – sul cui completamento, mediante il 2° stralcio, è in corso da parte dell’Amministrazione un lavoro di pressing verso Ministero e Regione, per far inserire nei loro piani finanziari le risorse necessarie al completamento dell’opera.

Ambiente fa rima con gestione del ciclo rifiuti e nuovi modelli di gestione della filiera del recupero, riciclo e riuso senza ricorrere alle discariche. In particolare con la delibera della Giunta Regionale, n. 725 del 26 giugno 2017, si da mandato all’AURI di proporre entro fine anno delle soluzioni per l’aggiornamento del Piano Regionale dei Rifiuti. Avevamo ragione quando abbiamo spinto per la RD che ha raggiunto oltre il 70%. Ad oggi, ribadisco inoltre che non c’è alcuna notizia di proroga dell’accordo di programma tra le Regioni Umbria e Lazio per il trattamento meccanico biologico (TMB) presso la struttura di Orvieto di rifiuti provenienti dal viterbese, accordo che andrà a scadenza il mese prossimo”.

Sempre in relazione ai servizi – ha continuato il sindaco – in questi mesi sono stati migliorati gli accessi e i servizi di accoglienza alla stazione FS e ai servizi parcheggi e con il completamento dei lavori previsti in autunno, finalmente si chiuderà uno dei progetti qualificanti gli ingressi alla città. A proposito di sosta e traffico, è tema di queste settimane la pedonalizzazione di piazza Duomo e di Piazza del Popolo; argomenti che, come sempre, sono al centro di critiche, discussioni anche animate ma che non sono una novità, poiché erano e sono un obiettivo del programma di governo dell’Amministrazione e che se pur nel dialogo abbiamo la ferma intenzione di perseguire a breve. Tutto ciò è strettamente interconnesso con una città che fa del Turismo e della Cultura la vera risorsa economica. Dopo il grosso lavoro di analisi preliminare e la progettazione messa in campo, gli assessori Vincenti e Cannistrà, coadiuvati dalla Facoltà di Economia dell’Università di Perugia, stanno mettendo a punto le azioni per migliorare le criticità evidenziate e raggiungere gli obbiettivi prefissati.

La voce Cultura rimanda alla programmazione di appuntamenti già consolidati o di nuova concezione. Ecco allora la imminente Stagione Teatrale 2017/2018 del Teatro Mancinelli e la 25^ edizione di Umbria Jazz Winter rispetto alle quali stiamo lavorando in stretta sinergia con il nuovo CdA della TeMa per realizzare due eventi all’altezza della nostra città, contando anche su un rinnovato clima di rapporti anche con il direttore artistico di UJW, Carlo Pagnotta con il quale a breve avrò un incontro diretto.

Sulle proroghe delle convenzioni con TeMa, Scuola di Musica ed altri asset, mi preme dire che si sono rese necessarie perché tecnicamente non eravamo in grado, visto anche il nuovo codice degli appalti, di espletare in tempo utile tutte le procedure per arrivare tramite gare agli affidamenti.

Anche la questione del Palazzo dei Congressi, dopo tutti gli approfondimenti che ci sono stati richiesti da parte di diversi Consiglieri, sarà nuovamente all’ordine del giorno del Consiglio Comunale che è sovrano. Il lavoro di scouting fatto in questo anno e mezzo è molto importante.

Al di là di tutto la città sta affrontando sfide molto importanti ed il nostro tessuto produttivo ha tutte le potenzialità per diventare attrattivo anche per un bacino di riferimento molto più ampio”.

Temi importanti sono poi la sanità locale e la valorizzazione del patrimonio immobiliare del centro storico, ricompresi come altri temi nel Protocollo d’Intesa con la Regione Umbria, con la quale anche in questi giorni stiamo svolgendo incontri, perché tutto ciò che metteremo su tale documento dovrà prevedere le necessarie coperture economiche all’interno del piano economico e finanziario della Regione stessa.

Questo sì un grande lavoro programmatorio per gli anni a venire a partire dall’ex Ospedale. La ASL ha completato il suo iter per il bando e su questo stiamo lavorando per individuare le diverse possibili opzioni di destinazione, a partire da quella turistica ma non escludendo altre ipotesi, previe tutte le verifiche di fattibilità economica anche per gli enti pubblici, come alcuni propongono”.

In questi giorni di festa – ha soggiunto il sindaco – più di un pensiero va al 24 agosto del 2016, quando nel terremoto di Amatrice la nostra comunità ha perso Barbara e Matteo, due giovani entusiasti della vita, che sono vivi nella memoria di noi tutti perché è dal loro ricordo che in questi 12 mesi hanno avuto inizio una lunga serie di azioni concrete portate avanti insieme ai familiari, agli amici, alla Città tutta e alla nostra Protezione Civile. Azioni che si sono concretizzate sin da subito per sostenere le popolazioni dell’Umbria anch’esse colpite dal terremoto il 30 ottobre, ma anche per sostenere iniziative e progetti in loro nome ad Amatrice e ad Orvieto”.

“Quest’anno – ha concluso – la Festa della Madonna Assunta, Patrona di Orvieto vede lo scambio culturale con la Città marchigiana di Osimo che al nostro Duomo ha dedicato una bellissima architettura fatta con le spighe di grano, scambio di amicizia che saluteremo con una serie di iniziative programmate dall’Amministrazione Comunale a cui i cittadini e i rappresentanti dei vari enti sono invitati a partecipare, anche partecipando alla solenne processione della vigilia.

Come sempre sono numerosissimi i turisti italiani e stranieri che in queste giornate di festa visitano Orvieto e il territorio orvietano o che hanno in programma di farlo nel prossimo settembre. Un territorio dove possono trovare accoglienza, musei e monumenti aperti, ed una ricca offerta di eventi di musica, proposte culturali ed appuntamenti enogastronomici.

Eventi che quest’anno, nonostante le giuste prescrizioni della ‘Direttiva Gabrielli’ sulla sicurezza, sono tutte confermate grazie al buon lavoro messo in atto tra Comuni, la Funzione Associata di Protezione Civile, i Servizi Sanitari e tutte le Autorità di Pubblica Sicurezza che, come ogni anno vigileranno sul Ferragosto degli italiani. A tutte queste persone il cui lavoro è preziosissimo e a tutti i concittadini auguro buone vacanze e un buon Ferragosto”.


Devi essere registrato per inserire i commenti Login