Pci, Zeno: “La politica si mobiliti anche in difesa dell’ospedale”

Categoria: Archivio notizie,Politica,Secondarie

Ciro Zeno, PCI Umbria

I venti sindaci dei Comuni dell’Area Interna “Sud-Ovest Orvietano”, in un documento, esprimono contrarietà alla paventata fusione per incorporazione della Cassa di Risparmio di Orvieto in Banca Popolare di Bari. Nulla da eccepire e soprattutto utile affrontare il problema uniti. Il PCI esprime però allo stesso tempo rammarico, poiché stessa cosa non sta avvenendo per difendere l’ospedale di Orvieto e la salute di comunità.

Siamo fortemente convinti che i sindaci del comprensorio stanno perdendo tempo prezioso rispetto ad una regione che dal punto di vista sanitario si sta organizzando spalmando servizi in molti nosocomi della nostra regione lasciando gravemente fuori Orvieto. Non si può accettare tutto ciò. Difendere una banca è dovere, difendere la salute e obbligo.

Ci sembra di rivedere ad Orvieto le azioni del governo centrale in versione miniatura, salvabanche e distruttore di servizi essenziali. Ma del resto la governance da quella matrice politica viene. Chiediamo a tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale che hanno a cuore la difesa della nostra sanità di territorio di chiedere un consiglio aperto urgente come è stato fatto in tempi mai visti prima per CRO con la possibilità di dare voce a cittadini e associazioni.

 

 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login