Il centro di Acquapendente diventerà palcoscenico con “Urban Vision Festival 2017”

Categoria: Archivio notizie,Cultura

 

ACQUAPENDENTE – La Cooperativa L’Ape Regina ha presentato ufficialmente il progetto cultural-artistico da realizzare da venerdì 7 a sabato 8 luglio in occasione dell’ Urban Vision Festival 2017In compartecipazione con il Museo della Città ed Algoritmo”, sottolineano, “Si attiverà il progetto” … è la nostra, vostra, isola che non c’è”. Nato per dare un nuovo volto alla cittadina laziale, Urban Visione irromperà con le sue luci, trasformando per due giorni il centro storico di Acquapendente in un palcoscenico dinamico: i vicoli, i cortili e gli scorci generalmente solitari riacquistano vita attraverso i colori delle numerose mostre, installazioni ed esposizioni presenti. Una due giorni da non perdere per chi ha la necessità di interpretare le numerose visioni di un mondo diverso e le grandi differenze dei nostri tempi. All’interno della manifestazione aquesiana Urban Vision Festival patrocinata dal Comune di Acquapendente, il Museo della città e Algortimo festival, in collaborazione con la cooperativa L’Ape Regina, organizzano delle suggestive aperture straordinarie in notturna del Palazzo Vescovile (e delle annesse carceri) e della Pinacoteca di San Francesco. La novità di quest’anno, che arriva al Museo della città grazie alla preziosissima collaborazione di Algoritmo, è la videoproiezione di uno Spoiler, realizzato da Marcello Mantegazza, una restauratrice che da anni lavora sui temi fondamentali della vita, fissando quelli che per lui sono i cardini in maniera quasi seriale. Sarà proiettato dalle ore 20.

 

Dopo due edizioni alle spalle, oggi Urban Vision è diventato un evento tra i più importanti a livello regionale, riconosciuto tra i migliori 100 progetti del Lazio nell’edizione 2017 di Lazio Creativo. Il festival vede coinvolti numerosi giovani che, impegnandosi nella realizzazione della manifestazione, si mettono in gioco con entusiasmo, creatività, nuove idee, voglia di migliorare e allargare i propri orizzonti culturali. Il chiostro del Palazzo Vescovile, sarà arricchito dalla videoproiezione, mentre la sala mostre sarà dedicata a due artisti molto diversi tra loro, ma che esporranno opere di grande pregio. Avremo alcuni dipinti su tela della pittrice Federica Bleve, e delle opere inedite dell’estroso artista locale Piero Calamai che per l’occasione esporrà delle tavole con schizzi a carboncino e opere in ceramica. L’inaugurazione delle mostre avverrà alle ore 18.00 del 7 luglio durante l’apertura dell’Urban Vision Festival 2017. Dalle ore 19 (sempre del 7 luglio), alcune sale del Museo, si trasformeranno in un “Laboratorio di Restauro a vista“: grazie alla preziosissima collaborazione di Roberta Sugaroni, avremo la possibilità di vedere come viene effettuato il restauro di alcune opere facenti parte della collezione de “I Mai Visti” e avere la rarissima occasione di osservare un’artista all’opera.
Con queste giornate si aprono una serie di appuntamenti tematici relative al restauro, che la Sugaroni e il suo team, realizzeranno al Museo, presentando al pubblico il programma dei lavori che verranno via via effettuati sulle opere. L’Urban Vision Festival è l’esaltazione della tecnologia, ma il Museo della città vuole fare da ponte tra l’antico e il moderno, proponendo nel giardino esterno dei “Laboratori esperienziali” legati all’antichissima arte del copista medievale. Dal 1 luglio è infatti possibile lavorare con “Pergamene, piume e calamai”, ripercorrendo i passaggi che hanno portato alla realizzazione di un testo medievale, dalla creazione dell’inchiostro al suo utilizzo pratico. Non mancherà lo street food organizzato dalla Caffetteria la Campanella nel giardino del Museo dalle ore 20.30. Il 7 luglio, per l’inaugurazione della Urban Vision Festival 2017 il Museo aprirà 18.00 e fino alle 20.00 potrà essere visitato gratuitamente. Dalle 21, aprirà le proprie sale al pubblico, cadenzando le visite ogni mezzora e, in via del tutto eccezionale, sarà possibile visitare il Museo della città, le carceri vescovili e la Pinacoteca con un biglietto cumulativo di € 5 (per i residenti rimane gratuito), fino alle ore 24.00. Il costo comprende anche il laboratorio “Pergamene, piume e calamai”.


Devi essere registrato per inserire i commenti Login