La compagine under 20 dell’Azzurra si ferma al primo turno della Finale Nazionale

Categoria: Archivio notizie,Sport

La compagine Under 20 guidata da Francesco Tringali rientra dalla Finale Nazionale di Roseto degli Abruzzi con uno zaino pieno di esperienza. Circa un anno fa il Presidente Giordano (Azzurra Orvieto) il Presidente Giacomini (Azzurra Academy Orvieto) e tutto lo staff dirigenziale decisero che la sfida su cui puntare doveva essere quello di un mix di Azzurra e di Academy: giovani promesse provenienti da tutta Italia accanto ad atlete di esperienza. Un unico gruppo affidato alle sapienti mani di Coach Romano e di tutto lo staff tecnico. Una famiglia allargata anche ad una realtà cestistica storica e solida come quella della Pink Terni della Presidente Barbetti. Una rivoluzione storica.

Dodici mesi dopo si può dire che la scommessa è stata vinta ed il primo quarto contro Sanga Milano ne è la dimostrazione. Un punto a punto che dice che la squadra è in grado di leggere bene le situazioni in campo, di costruire gioco e di difendere. Negli altri 30 minuti di gioco la forza fisica delle avversarie ha il sopravvento anche per la assenza delle tre ormai storiche infortunate, tutte con un peso importante nella economia della squadra.
La tecnica lascia il posto al carattere, alla voglia di tutte di non mollare nonostante il punteggio sul tabellone. I complimenti di commentatori neutrali e competenti sul progetto Orvieto in generale e sulla gara in particolare sono il suggello di aver fatto bene, sempre e comunque. La corsa allo “scudettino” si ferma al primo turno e non è un punto di arrivo, ma solo l’inizio di una fase di consolidamento e di ulteriore crescita di un progetto che finora ha dato solamente grandi soddisfazioni. La rivoluzione continua.


Devi essere registrato per inserire i commenti Login