Georadar su Le Crete, la Regione si muove con Arpa come chiesto dalla Lega Nord

Categoria: Archivio notizie,Politica,Secondarie


ORVIETO – A distanza di un anno e mezzo dal deposito dell’atto e a 10 mesi dal voto unanime in Aula, la Giunta Regionale ha deciso di attivarsi presso Arpa per richiedere l’utilizzo del georadar nella discarica “Le Crete” di Orvieto, come richiesto dalla mozione firmata dal capogruppo Lega Nord Emanuele Fiorini e dal consigliere Valerio Mancini.
“Se da una parte – commenta Fiorini – possiamo dirci soddisfatti di quanto, speriamo presto, si andrà a fare, dall’altra non possiamo non sottolineare l’inerzia e la lentezza dei procedimenti politici e amministrativi conditi da continui rimpalli di responsabilità: a distanza di quasi un anno dal voto in Assemblea è servito battere i pugni nelle riunioni del “Comitato per il monitoraggio e la vigilanza” pergiungere all’adempimento della mozione.
In particolare
– continua Fiorini – la Giunta regionale ci ha comunicato di aver inviato una nota ad Arpa Umbria “per chiedere di effettuare indagini anche attraverso l’uso di opportuni strumenti tecnologici, tra i quali il georadar, al fine di quantificare l’eventuale inquinamento sui terreni adiacenti la discarica “Le Crete” di Orvieto.
Dopo un lunghissimo periodo di attesa – conclude Fiorini – di sollecitazioni e dopo varie discussioni nelle riunioni del Comitato, sembra che la Giunta si sia mossa per attivare quanto richiesto dall’oggetto della mozione votata, tra l’altro, all’unanimità. L’utilizzo del georadar o di altri strumenti tecnologici, servirà a fare luce su quanto sversato nel corso degli anni all’interno della discarica di Orvieto e dare, quindi, risposte concrete ai cittadini”.

 


Devi essere registrato per inserire i commenti Login