Archivio notizie, Corsivi

I Dayak “denoartri” …e le teste mozzate degli assessori orvietani.

di Massimo Gnagnarini

C’è una logica che lega tutte le teste mozzate degli assessori dimissionari e dimissionati ?

Siccome Orvieto è situata abbondantemente distante dal Borneo, madreterra di tutti i tagliatori di teste, possiamo senz’altro escludere ogni correlazione antropologica tra l’etnia Dayak , sublimi tagliatori di teste, e questa inedita maggioranza che da alcuni anni si tiene saldamente in pugno le sorti della nostra città cannibalizzando sia ex avversari, ma anche  propri esponenti.

Dunque per trovarla, la logica, occorre indagare le relazioni umane e politiche dei nostri.

L’ultima testa mozzata custodiva il Brugiotti pensiero sull’urbanistica bollato come non più compatibile con quello del Sindaco e della sua maggioranza dal che, però, nascono spontanei i seguenti interrogativi:

Qual è il programma urbanistico della maggioranza ?

Qual è il programma dell’assessore dimissionato ?

Io credo che non esistano né l’uno né l’altro.

Forse esistono valutazioni diverse o diversamente interessate in merito a qualche pratica, ma dubito che questa amministrazione, così come si è andata formando, sia mai stata in grado di elaborare non dico una variante generale di PRG, ma nemmeno di annunciare una qualche linea guida o visione futura della città  capace di innescare un processo decisionale e partecipativo.

Anche questa volta la scelta comunicativa di tenere un profilo basso nella polemica che inevitabilmente segue ogni testa tagliata non è dettata dalla tattica o dalla convenienza, ma più semplicemente e drammaticamente dal nulla che c’è dietro, dalla mancanza di ogni risultato e azione messa in campo.

Non lo scontro tra due differenti concezioni programmatiche, non la mediazione tra legittimi interessi privati e un’idea generale di città che inevitabilmente ne favorisce taluni e ne penalizza tal altri, qui c’è solo lo specchio del nulla che, infatti, non può che riflettere solo piccole meschinerie e diatribe interne agli Uffici urbanistici  lasciati al proprio destino da una Politica che dovrebbe fornire gli input e che invece non c’è.

Qualche responsabilità è anche in capo  alle forze di opposizione le quali dovrebbero sentire la responsabilità  di riempire o quantomeno di darsi da fare per ridurre questo drammatico vuoto sui temi alti della città ancor prima di riproporsi per una non scontata ripresa della guida della città.  

Finora, invece, ci si è concentrati  a fare le pulci all’avversario a traino degli accadimenti e dei suoi  incidenti di percorso  con il risultato paradossale che, ad esempio,  sugli affari urbanistici della città la maggioranza qualche mese fa chiese e ottenne l’istituzione di una commissione consiliare per indagare sulle pratiche urbanistiche del passato, mentre in questa occasione è possibile che l’opposizione, dopo l’allontanamento dell’assessore Brugiotti, sia tentata di chiedere e facilmente ottenere l’istituzione di un’altra commissione consiliare per indagare sulle pratiche più recenti.

7 febbraio 2013

Informazioni sull'autore

admin


Lascia un commento

Seguici su Facebook

Calendario
febbraio: 2013
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  
Redazione

Orvietosì © 2012 – Quotidiano d’informazione e d’opinione – Registrazione Tribunale di Orvieto 13/11/2002 al n°101. Sara Simonetti Direttore – Dante Freddi Editorialista – Cooperativa Elzevira Editore P.Iva: 01292350558 Sede presso Coop.Editoriale Elzevira, Piazza del Commercio, 35 – 0763 342360
Per informazioni inviare una mail a redazione@orvietosi.it
Informazioni sul trattamento dei dati personali: Policy privacy